Siamo a Napoli negli anni ’90. Giovanna è un’adolescente che vive al Vomero insieme ai suoi genitori Andrea e Nella, insegnanti. Qui è cresciuta protetta dall’ambiente della Napoli “bene” insieme alle sue amiche Angela e Ida, anche loro figlie benestanti di Mariano, migliore amico di Andrea, e Costanza, proveniente da una famiglia ricchissima che le ha lasciato una bellissima villa a Posillipo. Qualcosa crolla in Giovanna quando, dopo aver preso dei brutti voti a scuola, sente il padre che la paragona alla zia Vittoria, sorella di Andrea. Questa zia, che Giovanna non conosce e che non sa come sia fatta perché in tutte le foto di famiglia il suo viso è cancellato, diventa un’ossessione per la giovane, vuole conoscerla e capire se sono realmente così simili.
Il padre decide così di portare la figlia ad incontrarla. Questo incontro, per Giovanna, sarà decisivo per molti aspetti della sua vita. Questa nuova conoscenza svelerà qualcosa di molto importante per la crescita di Giovanna: che gli adulti sono bugiardi e spesso le loro vite perfette non sono altro che piene di ipocrisie. Zia Vittoria le dice di osservare i suoi genitori e Giovanna, Giannina come la chiama, lo fa, osserva e scopre cose che non avrebbe voluto sapere. Ma anche Vittoria è bugiarda, in modo diverso: ha provato amore solo per Enzo, un amore forte e passionale al quale è stata fedele in tutti questi anni. Ed è vero, sentimentalmente, ma ha avuto dei rapporti sessuali con altri uomini per sopravvivere perché, come dice la stessa Vittoria, una donna sola “è nu piezzo ‘e carne miezo ‘e cane”.
Giovanna è internamente divisa. Da una parte il mondo nel quale è cresciuta, laico e benestante, dall’altra parte un mondo religioso e povero nel quale vive la zia, sboccata, volgare, procace, dal trucco pesante e fumatrice accanita, che le parla di amore e di sesso, la stessa che ama follemente la nipote ma al tempo stesso si scontra con lei, la affronta quando la nipote pensa o fa qualcosa che non le sta bene.
La stessa Vittoria, nonostante Enzo avesse una moglie, Margherita, che gli aveva chiesto di rinunciare a lei, aiuterà la vedova a crescere i suoi tre figli. Come Giovanna deve crescere e trovare la sua strada, fare le sue scelte (così come Ida, la quale osserva tutto e appunta tutto ciò che le accade in un quaderno, con sopra riportata la scritta “La vita bugiarda degli adulti”), anche Corrado, Tonino e Giuliana, i figli di Enzo e Margherita, cercano un senso alla propria vita al di fuori del quartiere, da soli o legandosi a qualcun altro.
E mentre Tonino parte alla ricerca di un futuro migliore, Corrado si allea con Rosario, figlio di un potente avvocato camorrista e Giuliana si fidanza con Roberto, giovane teologo che può prometterle un futuro lontano dalla povertà – non a caso è gelosissima di tutte le donne che può incontrare a Milano, dove lui insegna all’università, in quanto potrebbero farli lasciare e lei tornerebbe alla vita povera alla quale era destinata.
La serie si apre con un braccialetto che vediamo affondare nelle acque. Il braccialetto scatenerà alcuni avvenimenti durante la serie. Destinato, secondo zia Vittoria, a Giovanna ma andato perso, ritorna invece sotto forma di un regalo che svelerà un adulterio.
Vittoria lo utilizzerà per vendicarsi del fratello Andrea, responsabile della rottura tra Vittoria ed Enzo.
“La vita bugiarda degli adulti”, tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante e prodotta da Fandango, sarà disponibile dal 4 gennaio su Netflix, in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. La serie è composta da 6 episodi, diretti da Edoardo De Angelis ed è scritta da Elena Ferrante, Laura Paolucci, Francesco Piccolo ed Edoardo De Angelis. Nel cast troviamo Valeria Golino, interprete perfetta del ruolo di zia Vittoria, appassionata e spudorata e Alessandro Preziosi, anche lui eccellente nel ruolo di Andrea, all’apparenza gentile e affettuoso, ma anche traditore ed incline agli scatti d’ira. Altri interpreti sono l’esordiente Giordana Marengo (Giovanna), Pina Turco (Nella), Biagio Forestieri (Mariano), Raffaella Rea (Costanza), Rossella Gamba (Angela), Azzurra Mennella (Ida), Susy Del Giudice (Margherita), Giuseppe Brunetti (Corrado), Gianluca Spagnoli (Tonino), Maria Vera Ratti (Giuliana), Giuseppe Buselli (Roberto) e Adriano Pantaleo (Rosario).

Martina Alviani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *