Settima edizione de “Il Collegio” che, per il suo  debutto, raddoppia con due puntate rispettivamente martedì 18 e mercoledì 19 ottobre su Rai 2, alle ore 21.20, in prima sera. A seguire, l’appuntamento sarà ogni martedì per 8 puntate complessive.

“Il Collegio”, realizzato in collaborazione con Banijay Italia, si basa sul format internazionale “Le Pensionnat – That’ll teach’em” di cui la Rai ha acquisito i diritti.

Quest’anno il programma porta gli attori ALESSANDRO BOSATELLI, DAVIDE CAGNESMATTIA CAMORANI, DAVIDE DI FRANCO, APOLLINAIRE MANFREDI, TOMMASO MIGLIETTA, ALESSANDRO ORLANDO, MATTIA PATANÈ, GABRIEL RENNIS,  SAMUEL ROSICA, DAMIANO SEVERONI, ALESSIA ABRUSCIA, ELISA ANGIUS, SOFIA BRIXEL, MARTA MARIA ERRIQUEZ, ZELDA NOBILI, PRISCILLA SAVOLDELLI, GIADA SCOGNAMILLO, LUNA TOTA,  GIULIA WNEKOWICZ e gli spettatori negli anni ’50. I giovani protagonisti, infatti, lasceranno le proprie famiglie, i social network e l’inseparabile telefono per vivere nel 1958.

In questa edizione de “Il Collegio” la voce narrante sarà quella di Nino Frassica, che accompagnerà il racconto delle avventure dei 20 protagonisti: gli scontri con il Preside e il corpo docenti, le simpatie e le antipatie verso gli altri collegiali e le gite fuori dal convitto.

La grande novità di questa stagione sarà la presenza di due sezioni. Infatti per la prima volta i collegiali saranno divisi in due classi separate proprio come succedeva all’epoca: la scuola media con il latino e la scuola di avviamento professionale. Nel 1958, infatti, la scuola media era ancora divisa in due percorsi fra chi avrebbe continuato gli studi umanistici e chi si sarebbe invece indirizzato subito al lavoro con l’“avviamento professionale”.

Ad ospitare i giovani studenti è, per il terzo anno consecutivo, il Collegio Regina Margherita di Anagni, dove vigeranno le regole di sempre: preside, professori e sorveglianti rappresentano l’autorità. Vanno dunque ascoltati e rispettati. Massima è, infatti, la severità per il rispetto delle norme, con giornate scandite da studio e attività ricreative.

La narrazione sarà caratterizzata dall’atmosfera tipica degli anni in cui l’Italia inizia ad assaggiare il “miracolo economico”, quando le industrie dell’automobile e degli elettrodomestici vivono una crescita senza precedenti: la Cinquecento, il frigorifero e la lavatrice sono gli emblemi del boom dei consumi. Il 1958 è un anno di grande ottimismo e spinta verso la crescita, ma è anche un momento di forti migrazioni interne, di svuotamento delle aree rurali e di espansione delle città: due «Italie» si ritrovano così faccia a faccia. Sono anni in cui in Italia cresce anche la domanda di scolarizzazione e il boom della produzione industriale. Ed è proprio in questo contesto storico che si svolgono – per 8 puntate – le lezioni in vista dell’esame di terza media del 1958.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *