In occasione della prima puntata della nuova serie di Rai 1Màkari“, in onda questa sera alle ore 21.25, abbiamo intervistato il protagonista Claudio Gioè, che si è dichiarato emozionato e contento di essere tornato nella sua Sicilia.
“Màkari” è una serie suddivisa in 4 prime serate tra giallo, commedia e mélo, con Claudio Gioè nelle vesti di Saverio Lamanna, l’affascinante “investigatore per caso”. La fiction è tratta dalle opere di Gaetano Savatteri, per la regia di Michele Soavi e la sceneggiatura di Francesco Bruni, Salvatore De Mola, Leonardo Marini e Attilio Caselli. Una produzione Palomar in collaborazione con Rai Fiction. Le musiche sono firmate da Ralf Hildenbeutel, mentre la sigla “Màkari” è scritta e realizzata da Ignazio Boschetto e interpretata dal trio Il Volo.

Nel cast della serie troveremo anche Ester Pantano, Antonella Attili, Domenico Centamore, Sergio Vespertino e Filippo Luna.

La storia:

Appassionato, riflessivo e soprattutto intuitivo, Saverio Lamanna ha alle spalle un passato lavorativo gratificante e di successo. A Roma, dopo una gavetta da giornalista, è diventato portavoce di un influente uomo politico al governo, ma un piccolo passo falso gli ha fatto perdere il lavoro e soprattutto la credibilità. Un vero tsunami per Saverio che, sotto il peso della sconfitta emotiva e professionale, decide di fare ritorno a casa, in Sicilia. Per leccarsi le ferite si rifugia in uno dei luoghi più cari alla sua infanzia: Màkari. Ed è lì, tra mare cristallino, paesaggi mozzafiato, vecchie conoscenze e nuovi amici, che riscopre una grande passione rimasta sopita per anni: quella dello scrittore.

E a Màkari, le storie da raccontare non mancano di certo. Una serie di strani omicidi stuzzicano infatti la curiosità di Saverio che, come un vero segugio, fiutando le tracce, non molla la preda alla ricerca della verità. Ma il ritorno nei luoghi cari all’infanzia offrirà a Saverio non solo l’opportunità di mettersi alla prova come scrittore-investigatore, ma anche di incontrare l’amore.

La nostra intervista a Claudio Gioè:

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *