Da domani, 14 maggio 2021, inizierà su Sky e su NOW la serie “Domina“, con protagonista Kasia Smutniak nei pani di Livia Drusilla, artefice del destino di Augusto e delle sorti dell’Impero Romano. “Domina” sarà suddivisa in 8 episodi, prodotti da Sky Studios, Fifty Fathoms e Tiger Aspect Productions.

Livia Drusilla, terza moglie di Augusto, fu influente come mai nessuna, tanto da meritare l’appellativo di “imperatrice”. Fu la più fidata consigliera politica del marito ed ebbe un ruolo decisivo sulle sorti dell’Impero Romano, sebbene sui libri di storia siano finiti solo gli imperatori. Potente e astuta, ambiziosa e carismatica, a renderle giustizia arriva la nuova serie Sky Original “Domina”.

La serie racconta per la prima volta dal punto di vista delle donne le lotte per il potere durante il principato di Gaio Ottaviano, il celebre Cesare Augusto, primo imperatore romano. Una grande coproduzione internazionale, girata presso i Cinecittà Studios di Roma, sulla vertiginosa ascesa della terza moglie di Gaio. La sua incredibile storia ridefinì completamente le aspirazioni che a quel tempo una donna poteva perseguire, finendo per segnare per sempre le sorti dell’Impero Romano.
A interpretarla nei primi due episodi, da giovanissima, Nadia Parkes. Accanto alla Smutniak un grande cast internazionale, formato da Matthew McNulty nei panni del futuro imperatore Gaio Ottaviano (nei primi due episodi interpretato da Tom Glynn-Carney), Claire Forlani interpreta Ottavia, sorella di Gaio, Christine Bottomley sarà Scribonia, prima moglie di Gaio nonché acerrima nemica di Livia, Colette Dalal Tchantcho nei panni di Antigone, prima fidata ancella di Livia e poi donna libera e sua confidente, Ben Batt interpreta Agrippa, amico d’infanzia di Gaio Ottaviano, suo generale e poi console. Insieme a loro, una star internazionale come Liam Cunningham nel ruolo di Livio, padre di Livia Drusilla e un’icona della cinematografia mondiale, Isabella Rossellini, che nella serie interpreterà Balbina, maitresse di un lupanare.

La serie è stata ideata e scritta da Simon Burke, mentre alla regia troviamo Claire McCarthy (nei primi 3 episodi), che guida un team completato da David Evans (dietro la macchina da presa degli episodi 4, 5, 7, 8) e Debs Paterson (alla regia dell’episodio 6).

La sinossi dei vari episodi:

  • EPISODIO 1: CADUTA (OTTOBRE, 43 a.C. – GENNAIO, 39 a.C.)

Roma, un anno dopo l’assassinio di Giulio Cesare. Livia Drusilla, la ragazza d’oro della famiglia dei Claudii, viene data in sposa a Nerone, un uomo che ha il doppio della sua età. Un repubblicano rispettabile, come suo padre Livio. Livia è riluttante a lasciare la casa paterna e la sua migliore amica, la schiava Antigone.

  • EPISODIO 2: ASCESA (GIUGNO, 39 a.C. – GENNAIO, 38 a.C.)

Livia, Nerone e Tiberio devono nascondersi e vanno a rifugiarsi nella casa di Sesto in Sicilia. Livia, il cui matrimonio naviga in cattive acque, scopre di essere incinta; ne resta sconvolta. Sesto è deluso dal fatto che il bambino non sia suo: i due hanno una relazione. Ma il triangolo amoroso si conclude, perché su suggerimento di Livia, Sesto negozia con successo un’amnistia. Livia e Nerone possono tornare a Roma.

  • EPISODIO 3: FAMIGLIA (DICEMBRE, 28 a.C.  – GENNAIO, 27 a.C.)

Sono passati undici anni, Livia ora ne ha 31: sposata con Gaio Giulio Cesare Ottaviano, è di nuovo incinta. Ottaviano e Agrippa sono soli sulla vetta del mondo, governando insieme Roma come consoli. I rivali Marco Antonio e Sesto sono morti, mentre Lepido è stato emarginato. Livia si è dimostrata brillante come suggeritrice politica del futuro Augusto. Ma in privato, sa che deve consolidare la sua posizione come moglie di Gaio dandogli un figlio.

  • EPISODIO 4: SEGRETI (OTTOBRE, 25 a.C.)

Due anni dopo, imperatrice di fatto se non di nome, Livia dà alla luce un bambino nato morto. Un’altra perdita traumatica che non fa ben sperare per le sue fortune politiche: un figlio da Augusto avrebbe cementato la sua posizione di moglie del sovrano. Peggio ancora: Livia scopre che non potrà più avere figli, e ha ben presente che ci si può aspettare il divorzio di Augusto da una moglie sterile. Di che utilità potrà essere per l’imperatore, se non può dargli un erede?

  • EPISODIO 5: PESTE (MARZO, 23 a.C.)

Livia torna in una Roma invasa dalla peste. Gaio si ammala gravemente e la questione di chi gli succederà si fa pressante. Antigone non è in grado di aiutare Augusto, sorvegliato a vista da un’ansiosa Ottavia. Il matrimonio di Marcello con Giulia si è dissolto in amara acrimonia. In superficie sembrano una perfetta coppia di potere – sono popolari, partecipano e ospitano tutti gli eventi giusti – ma devono ancora dare un nipote ad Augusto.

  • EPISODIO 6: OMBRE NOTTURNE (GIUGNO, 23 a.C.)

Sono passati due mesi dalla peste e i ragazzi di Livia sono ancora in pericolo. Marcello si circonda degli stessi potenti alleati politici che complottarono per assassinare Agrippa, Tiberio e Druso quando Augusto era malato. Il quale, a peggiorare le cose, sta ora progettando di adottarlo formalmente come erede. Marcello sta diventando una minaccia troppo grande e Livia sa che dovrà intervenire per fermarlo.

  • EPISODIO 7: TRADIMENTO (MAGGIO, 22 a.C.)

È passato quasi un anno da quando Marcello, il favorito di Augusto, è morto in circostanze oscure, e a Roma il potere imperiale inizia a manifestare le prime crepe. Non solo un ex governatore, Primo, viene processato per aver iniziato una guerra illegale ordinata da Gaio, ma Druso sta rivelando una vena spietata che fa preoccupare Livia per le prospettive del suo piano.

  • EPISODIO 8: FELICITÀ (MAGGIO, 22 a.C.)

Mentre Livia si accinge a un lungo viaggio con Gaio, è costretta ad affrontare alcuni grandi cambiamenti. Senza alcuna certezza sul proprio ritorno, è spinta da Pisone a parlare ai figli del ruolo che avranno nel suo piano di ripristinare la Repubblica. Nel frattempo, Antigone rivela che anche lei sta partendo per crescere il figlio con Tico nella loro tenuta fuori Roma.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *