Ve le ricordate le Winx? Bloom, Stella, Flora, Tecna, Musa e Aisha stanno tornando in televisione con “Winx Club“! Netflix ha infatti annunciato il ritorno delle fatine del “Winx Club” in carne ed ossa in una nuova serie live action per un pubblico di giovani adulti. Era il 2004 quando la saga fantasy animata è stata lanciata in Italia e da allora ha riscosso un grande successo tra i ragazzi di tutte le età. Creata e prodotta da Iginio Straffi, questa serie per bambini è stata una delle prime ad essere vendute negli Stati Uniti e in diversi Paesi a livello mondiale.
Nel 2016 Netflix ha realizzato e mandato in onda due stagioni originali come spin-off di “Winx Club” intitolate “World of Winx”, che sono state accolte con grande entusiasmo in tutto il mondo e che hanno portato oggi alla nascita di questa nuovissima serie. Si vedranno le sei eroine protagoniste alle prese con la loro vita di tutti i giorni, ma intente anche ad esercitare i loro poteri all’interno di una scuola di magia molto particolare.
Iginio Straffi, creatore della serie, fondatore, Presidente ed Amministratore Delegato del Gruppo Rainbow, specializzato nell’intrattenimento per bambini e teenager, afferma: “Siamo molto felici di continuare questa collaborazione con Netflix lavorando insieme a progetti sempre più ambiziosi. Grazie ai suoi contenuti destinati al pubblico young adult, Netflix è stato in grado di arrivare al cuore degli spettatori di tutto il mondo. Non vediamo l’ora di vedere le Winx in questa nuova veste live action.”. Anche Erik Barmack, VP International Originals di Netflix, si definisce entusiasta per la nuova collaborazione con il Gruppo Rainbow, inoltre aggiunge: “Le celebri fatine diventeranno grandi insieme ai loro fan, si trasformeranno in reali eroine adolescenti e affronteranno temi più complessi in questa nuova serie live action.”.
Non vediamo l’ora di scoprire qualcosa in più su questo interessantissimo progetto… E voi?

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *