Durante la seconda e la terza serata del Festival di Sanremo 2018, che aprirà i battenti il prossimo 6 febbraio per la 68esima volta nella storia, faranno il loro esordio sul palco del Teatro Ariston 8 giovani artisti, he si sfideranno per la sezione nuove proposte e tra questi, spicca il nome di Giulia Casieri. Giulia è una talentuosa cantautrice, che è riuscita a conquistare Claudio Baglioni e la giuria grazie al brano “Come stai”, scritto da lei e prodotto insieme ad Andrea Ravasio, con il quale collabora da circa un anno. Il suo debutto al festival è frutto di un lungo percorso fatto di studi e passione: sin da piccola si avvicina al mondo della musica e, dopo aver frequentato vari corsi musicali, continua i suoi studi sotto la guida dell’insegnante Michele Giuseppe Rovelli, con il quale migliora la sua tecnica vocale e dell’interpretazione.
Autoproduce quindi un disco acustico di cover internazionali e grazie ad esso riesce ad acquistare maggior notorietà: in maniera un po’ fortunosa conosce Eros Ramazzotti, che le apre la strada per l’accademia vocale “Bunker 54”. Seguono poi numerose esibizioni nei locali milanesi insieme al gruppo musicale Up2Funk. Nel 2017 ha pubblicato i suoi primi 2 singoli: “Ada” e “Tra me e me”.
Ora la grande occasione del festival della canzone italiana, dove la giovane artista proverà a convincere il grande pubblico con “Come stai”: “E’ un brano nato un po’ per gioco. La prima cosa che scrissi fu il ritornello e dalla semplice domanda “Come stai”, che continuavo a ripetermi nella testa, è emerso tutto il resto del brano, in un racconto profondo e sincero di tutte quelle forti emozioni che hanno accompagnato gran parte della mia vita fino ad oggi. In poco tempo sentii il brano diventare estremamente personale e con una grande capacità di esprimere la serietà emotiva che davvero stavo iniziando ad incanalare nelle parole. “Come stai” non è nient’altro che una parte della mia storia”. In bocca al lupo quindi Giulia Casieri per questa importante esperienza!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *