Per il 47esimo anno inizierà oggi, lunedì 22 luglio, il Festival Internazionale del Teatro organizzato dalla Biennale di Venezia e diretto da Antonio Latella.
L’esordio di questa nuova edizione avverrà con il teatro-ragazzi dell’olandese Jetse Batelaan, Leone d’Argento 2019, e con il “Mauser” di Oliver Frljic del drammaturgo tedesco Heiner Muller.
Gli spettacoli, che rispolvereranno la tradizione della Biennale che in passato dedicava ampio spazio all’arte del teatro dei ragazzi, saranno “The Story of the Story”, in scena oggi al Teatro Goldoni, e “War”, sempre sullo stesso palco mercoledì 24 luglio. Entrambi gli spettacoli sono firmati dal regista e autore olandese Jetse Batelaan, che riesce a fondere nel suo originale stile visionario filosofia e attualità.

Lo spettacolo odierno “The Story of the Story”, in programma al Teatro Goldoni, è un viaggio a ritroso alla ricerca delle radici dellimmaginazione per interrogarsi sul concetto stesso di racconto in questi tempi postmoderni. Questo tema è stato pensato per un pubblico giovane e verrà affrontato con fantasia e gioia, facendo incrociare situazioni e personaggi tra loro molto diversi, come un gruppo di cacciatori-raccoglitori, degli oggetti astratti che prendono autonomamente vita, il pubblico stesso, una famiglia media composta da tre membri che somigliano molto a Beyoncé, Cristiano Ronaldo e Donald Trump e la storia stessa.
“Mauser”, il secondo appuntamento della giornata inaugurale, andrà in scena alle Tese dei Soppalchi alle ore 21.30 e sarà replicato domani alle ore 20.30. La domanda a cui l’opera tenta di rispondere è: per cosa siamo disposti a morire o per cosa siamo pronti a uccidere? Lo spettacolo è ambientato al tempo della guerra civile russa nella cittadina di Vitebsk, durante il processo e l’esecuzione della condanna a morte del rivoluzionario A da parte del “coro”. A deve giustiziare il suo predecessore B per aver rilasciato tre cittadini controrivoluzionari e diventare boia finché il compito non sarà insopportabile e simbolo del fallimento politico.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *