Il “FLAUTISSIMO Festival 2017 Il mare unisce i paesi che separa” giunto alla sua 19esima edizione, con la direzione artistica di Stefano Cioffi, ha debuttato il 30 ottobre scorso al Teatro Piccolo Eliseo di Roma.
La manifestazione, organizzata dall’Accademia Italiana del Flauto con il contributo della Regione Lazio, accompagnerà il pubblico, fino al 12 dicembre prossimo, in un viaggio inedito e originale in vari spazi della città, accompagnato da alcuni tra i più grandi artisti italiani e internazionali.
Il Festival, nato nel 1991 come appuntamento cameristico, nel corso degli anni si è valorizzato oltre che con la musica classica e jazz, anche con eventi teatrali, di videoarte e fumetto d’autore.
Nella serata d’apertura, accompagnato dalle musiche del pluristrumentista Stefano Saletti e dalla voce di Barbara Eramo, protagonista della scena è stato Massimo Popolizio, una tra le più apprezzate figure del panorama teatrale e cinematografico.
L’attore, che ricordiamo nel film “Il Divo” e in “Romanzo Criminale“, con la sua interpretazione ha ripercorso le vicende mitiche dell’eroe troiano Enea ne “La presa di Troia” – Libro II dell’Eneide, considerato un capolavoro assoluto per la sua struttura e per la sua forza tragica.
Il sottotitolo di questa diciannovesima edizione di “Flautissimo – Il mare unisce i paesi che separa“,  è una frase del poeta inglese Alexander Pope (1688-1744) celebre per il suo importante lavoro di traduzione dell’opera di Omero.
Il mare è un confine diverso, ancora oggi. Le linee separano, le acque uniscono. Ma l’unione non sempre è inclusione e tolleranza, quest’acqua ha scatenato odii per millenni, odio per la difficoltà di accettare un altro credo, odio per il dominio geografico, odio per il potere politico. Il nostro è un diario di bordo per raccontare un nuovo mare in cui solidarietà e accoglienza trovino asilo come vogliono gli usi millenari della navigazione. Salpiamo allora! Iniziando dalla guerra di Troia che ha generato il viaggio di Enea, un’erranza tra le acque del Mediterraneo alla ricerca di una casa, con la consapevolezza che abitare luoghi diversi può generare un nuovo dialogo tra le culture di questo Mare. E dalle ceneri di Troia abbiamo costruito un cartellone originale e appassionante navigando senza confini, senza pregiudizi, per avvicinare e conoscere l’altro diverso da sé.”
Tra i protagonisti di questa edizione ci saranno Roberto Herlitzka, Peppe Servillo, Moni Ovadia, Galatea Ranzi, Rita Petruccioli, Luigi Marinaro, Gabriele Coen, Giovanni Seneca, Klezroym, Banda Ikona, Alja Velkaverh, Julien Beaudiment, Mario Caroli, Michael Kofler, Juliette Hurel e Jacques Zoon.
Al Festival parteciperà anche l’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere, che offre assistenza alle persone in fuga con la campagna #Milionidipassi Experience.
Per maggiori informazioni sugli eventi in programma di Flautissimo Festival 2017 potrete scrivere a info@flautissimo.it oppure a segreteria@accademiaitalianadelflauto.it e scoprire qualcosa di più consultando il sito internet www.flautissimo.it o la pagina Facebook: flautissimofestival.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *