Ore 15:30 spaccate di una giornata di maggio qualsiasi… o quasi. Quasi perché dall’altra parte del mio pc c’è Luca Marzano, meglio conosciuto come Aka7even. Ciuffo biondo, fare spigliato e deciso, Aka7even è stato uno dei protagonisti della 20esima edizione di “Amici”, il talent di Maria De Filippi dove è arrivato fino in finale.

Il suo talento è stato sempre sostenuto dall’insegnante Anna Pettinelli, ma non è di certo passato inosservato neanche al pubblico da casa. Il brano “Mi manchi”, scritto durante la permanenza nella scuola, è stato certificato Disco di Platino, raggiungendo la Top 5 della Classifica dei Singoli Fimi ed essendo l’unico di questa edizione ad entrare nella Viral50 global di Spotify. Si difendono molto bene anche i singoli “Yellow”, Mille parole” e “Loca”, ugualmente presentati nel corso del programma.

L’esperienza tra i banchi di “Amici” si è conclusa da pochissimo ed Aka7even è pronto ad iniziare una nuova fase della sua carriera. Oggi, venerdì 21 maggio, esce l’album d’esordio “Aka7even” (Columbia Records Italy/Sony Music Italy) che contiene, oltre ai già citati brani, altre 8 tracce:

  1. Eazy
  2. Fuori
  3. Strike
  4. Luna
  5. Black
  6. Blue
  7. Rolly Stone
  8. Torre Eiffel

Nella nostra chiacchierata il cantautore napoletano ha dichiarato: “È un album che racconta totalmente di me, del percorso che ho fatto ad ‘Amici’ e di come sono uscito. È una sensazione strana e piacevole allo stesso tempo. Chi acquisterà il disco potrà ascoltare Aka a 360 gradi.”. È un lavoro interamente contaminato dall’urban, genere che secondo lui “È visto un po’ di nicchia in Italia. A me piacerebbe portarlo mainstream e uscire fuori dagli schemi. Mi piace mettermi in gioco e differenziarmi dal resto.”.

Questo suo essere versatile e guardare oltre si palesa anche nelle influenze musicali che ha avuto e che ha tuttora: “Justin Bieber, The Weekend, Bruno Mars sono artisti a cui mi ispiro e con i quali mi piacerebbe collaborare perché c’è questa connessione di versatilità e io mi reputo un artista eclettico, mi piace toccare vari generi. Ecco vorrei rimanere a livello di identità sulla timbrica, sulle melodie e sui testi ma a livello di sound affacciarmi a diverse realtà. Non mi piace limitarmi ad un sound, voglio avere la libertà di toccare qualsiasi genere. Della scena italiana mi piacciono molto Ghali, Geolier, Luchè, Elisa, Sfera. Sono il top qui!”.

Per citare la sua ultima canzone, l’estate di Aka7even sarà davvero “Loca”, tra instore e altre sorprese di cui non può ancora svelare nulla.

Intanto godetevi il suo primo album, fuori ovunque da oggi e presto arriverà anche il video della nostra intervista!

Gerarda Servodidio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.