Si intitola “8 marzo” il brano che la giovane cantante toscana Tecla presenterà sul palco del Festival di Sanremo 2020 nella categoria delle “Nuove Proposte”.
Prodotta da Diego Calvetti su etichetta Rusty Records, “8 marzo” è una canzone che parla di donne e della loro forza nell’affrontare la vita di ogni giorno. Dato il tema molto forte e importante, il brano è stato scelto personalmente con entusiasmo da Tecla, che lo affronta delicatezza e con una grande maturità vocale, attingendo musicalmente alla tradizione melodica e poetica della canzone italiana.
Scritto da Piero Romitelli e Rory Di Benedetto e composto sempre da Piero Romitelli e Rory Di Benedetto stessi insieme ad Emilio Munda, Rosario Canale e Marco Vito, “8 marzo” è stato presentato il 19 dicembre 2019 all’interno del programma “Sanremo Giovani” condotto da Amadeus e oggi è in gara tra le “Nuove Proposte”.
Tecla ha affermato: “Sono onorata di poter portare un pezzo che parla della forza femminile, sono giovane ma ho già una mia visione sul mondo. Nessuno può decidere cosa dobbiamo fare, dire o essere. Dimostriamo a noi stesse cosa siamo in grado di fare!”.
Il videoclip del singolo è già disponibile su YouTube ed è stato girato di notte nella suggestiva città del Festival da Gaetano Morbioli.
Tecla, all’anagrafe Tecla Marianna Insolia, è nata a Varese nel 2004 e, dopo essersi trasferita a Piombino, ha iniziato subito a studiare canto e recitazione alla Woodstock Academy, entrando poi nell’Associazione Le Muse di Gianna Martorella. Ha partecipato a diversi concorsi canori e nel 2016 si è classificata terza al programma di Canale 5Pequenos Gigantes”, mentre in televisione ha preso parte alle fictionL’Allieva”, “L’Allieva 2” e “Vite in fuga”. Nel 2019 vince il talent show di Rai 1 condotto da Antonella ClericiSanremo Young” che la porta tra le “Nuove Proposte” al Festival di Sanremo 2020.

Qui sotto il videoclip ufficiale del pezzo:

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *