Verrà pubblicato il 15 maggio 2020raRità”, il nuovo lavoro discografico di Rita Pavone che al momento è disponibile in pre-order su Amazon e IBS.
Si tratta di un doppio vinile bianco in edizione limitata, che comprende al suo interno i 27 brani tratti dall’omonimo CD, il singolo sanremese “Niente (Resilienza 74)” e 3 spettacolari bonus track speciali.
Il nome dell’opera “raRità” deriva dalla presenza di alcune piccole perle musicali che lasceranno senza parole gli ascoltatori, che fino ad ora hanno conoscono solamente il repertorio noto dell’artista.
Il doppio vinile ripercorrerà un po’ il percorso di Rita Pavone dal 1 settembre 1962, quando vinse la prima edizione de “La Festa degli Sconosciuti” ideata da Teddy Reno in una piazzetta del Comune di Ariccia.
“raRità” riproporrà anche tante canzoni e produzioni che hanno visto la collaborazione con grandi autori e arrangiatori come Lloyd Webber, Tim Rice, Norman Newell, Doc Pomus e Sammy Lowe, che hanno permesso alla cantante di conoscere nuovi stili e sonorità.

CLICCA QUI PER VEDERE LA NOSTRA INTERVISTA A RITA PAVONE AL FESTIVAL DI SANREMO 2020


Il progetto discografico contiene anche tre punte di diamante, ossia tre bonus track che impreziosiscono “raRità”. Prima fra tutte “Bonjour la France (La suggestione)”, canzone scritta per Rita da Claudio Baglioni che, nel marzo 1972, arrivò in cima alle classifiche francesi con più di 800mila copie vendute. Questo grande successo permetterà alla cantante di esibirsi per un mese di concerti all’Olympia di Parigi e di realizzare tre album di inediti per il mercato della Francia.
Secondo brano speciale è “Una voce”, il leit-motiv tratto dal film “Timanfaya” e scritto dal maestro Stelvio Cipriani, pianista personale di Rita Pavone per diversi anni. Infine troviamo “Before you go (Fortissimo)”, la versione quasi introvabile della canzone di Lina Wertmuller e Bruno Canfora realizzata per il mercato americano.
A proposito di questo progetto, la cantante ha raccontato: “Questa è solo la punta dell’iceberg della mia discografia mondiale. Ce ne sono di pietre preziose ancora da mettere in vetrina…”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *