Intensità è la prima parola che mi viene in mente se penso a Fiorella Mannoia, alla sua musica, alle sue canzoni. Fiorella è un’artista che racconta e si racconta, diretta e sincera, senza filtri. Lo avevamo fortemente percepito con il pezzo sanremese di qualche anno fa “Che sia benedetta“, ma ora torna ad evidenziarlo con un nuovo album di inediti, “Padroni di niente“, in uscita oggi.
Si è conclusa pochi minuti fa la conferenza stampa di presentazione del nuovo disco: l’album è prodotto da Carlo di Francesco e si tratta di un disco realmente “suonato”, “vivo”, senza molta elettronica… Un ritorno all’essenziale, anche per questo – come ha dichiarato Fiorella Mannoia – è composto da 8 tracce solamente. Sarà disponibile in digitale, in formato CD e in vinile, ma quest’ultimo sarà acquistabile nei negozi a partire da venerdì 20 novembre. Il disco è stato anticipato in radio dal singolo “Chissà da dove arriva una canzone”, brano scritto per Fiorella Mannoia da Ultimo ed ora viene invece lanciato l’omonimo singolo “Padroni di niente”.

«Qui c’è chi non capisce che prima di tutto la vita è un valore.

«Quando penso di voler salvare il mondo poi succede che invece è lui che salva me».

Si tratta di un lavoro che racconta le riflessioni nate durante le difficili settimane di lockdown della primavera 2020 a causa del Covid-19, riflessioni che ciascuno può riconoscere come proprie, emerse in quei “giorni chiusi”, per citare la canzone di Ultimo, sperando che abbiano presto “un prato per volare fuori”.

“Padroni di Niente” è anche il brano di apertura dell’album e il pensiero che si cela dietro ad esso è chiaro: la consapevolezza che nessuno è padrone di nulla, perché è bastata una minuscola entità biologica per mettere in ginocchio un’intera umanità. Forse ci si dovrebbe concentrare di più sul vero valore della vita e su ciò che dà senso ad essa. Questa è l’anima della canzone e dell’intero disco, che prosegue raccontando in musica chi siamo, nel bene e nel male, il mondo in continuo cambiamento e che se da una parte si evolve, migliora, si modernizza, dall’altra a volte sembra si allontani dall’altruismo e dai valori di solidarietà.
Non mancano poi i sentimenti, gli amori, come quello premuroso tra madre e figlia e ovviamente l’invito a non smettere mai di sognare, come unica ed eterna speranza per andare avanti.

In “Padroni di niente” Fiorella vuole porre l’attenzione su noi stessi, sull’uomo, sulla nostra visione e la nostra “umanità”, quella da cui bisognerebbe ripartire per non ritrovarci, appunto, “Padroni di niente”. Ripartenza è anche quello in cui spera Fiorella Mannoia per il settore dello spettacolo, duramente colpito dalle restrizioni e dagli stop imposti per contrastare la pandemia di Coronavirus. La speranza è appunto quella di ricominciare,anche se con location più piccole per i concerti dal vivo o con meno pubblico… “Non fa niente, l’importante è ripartire, in qualsiasi modo!“.

La copertina dell’album è ispirata al quadro “Viandante sul mare di nebbia” di Caspar David Friedrich, con la differenza che in questa cover l’artista osserva la propria civiltà, ci si specchia dentro e riflette su tutto il bello e il brutto che l’uomo ha costruito.

«… Forse dovremmo solo ricominciare da noi stessi,
Per non ritrovarci “Padroni di niente”»

 Questa la tracklist di “Padroni di niente”:

  1. “Padroni di niente”
  2. “Chissà da dove arriva una canzone”
  3. “Si è rotto”
  4. “La gente parla”
  5. “Sogna”
  6. “Olà”
  7. “Eccomi qui”
  8. “Solo una figlia” (“Canzone Sospesa” con OLIVIA XX)”.

Nel mese di maggio partirà il “Padroni di niente tour”, con 11 date nei principali teatri italiani: in questo modo Fiorella Mannoia avrà la possibilità di incontrare il suo pubblico e presentare live il nuovo album.


Queste le prime date del tour, prodotto e organizzato da Friends & Partners:

  • 12 MAGGIO – BOLOGNA – Europauditorium
  • 13 MAGGIO – TORINO – Teatro Colosseo
  • 15 MAGGIO – MANTOVA – Grana Padano Theatre
  • 18 MAGGIO – ANCONA – Teatro delle Muse
  • 20 MAGGIO – BARI – Teatro Team
  • 22 MAGGIO – NAPOLI – Teatro Augusteo
  • 23 MAGGIO – ROMA – Auditorium Parco della Musica
  • 26 MAGGIO – BERGAMO – Teatro Creberg
  • 28 MAGGIO – BASSANO DEL GRAPPA (VI) – Pala Bassano 2
  • 29 MAGGIO – BRESCIA – Teatro Dis_Play
  • 31 MAGGIO – MILANO – Teatro degli Arcimboldi

I biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne e nei punti vendita abituali.

Carlotta d’Agostino

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *