Se nella canzone dice “ho sceso almeno un milione di scale”, nella realtà Emanuele Aloia ha scalato la qualunque: il singolo “Il bacio di Klimt” continua a spopolare sul web tanto da aver ottenuto il Disco d’Oro. Questi i numeri: oltre 20 milioni di streaming su tutte le piattaforme digitali e oltre 300mila video su TikTok, su Spotify ha raggiunto la vetta della classifica Top 50 Viral Italia e si è classificato al #2 nella Top 50 Italia e alla #25 della Viral 50 Globale, su Apple Music si è aggiudicato il #2 nella classifica Top 100 Italia  e infine il #3 della classifica FIMI dei singoli più venduti in Italia. Su Youtube i risultati sono altrettanto esorbitanti: il video de “Il bacio di Klimt”, girato in pieno Covid e diretto da Marco Mannini, ha superato le 4 milioni di visualizzazioni. In esso, oltre al giovane cantante Emanuele Aloia, appare anche l’influencer Anna Ciati.

Non solo il riferimento al famoso dipinto dell’artista viennese, nel testo sono presenti citazioni di celebri poeti: “”Per te giuro ho sceso forse un milione di scale’è un omaggio a Eugenio Montale,Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale”. Ho aggiunto quel “forse” perché l’amore di un ventenne non può essere l’amore che ha provato Montale per la moglie, è un riferimento sentito ad una delle più belle poesie italiane che però con quel dubbio rispetta la grandezza di quell’opera e di quell’amore così grande.” – ha spiegato Emanuele.

Torinese, classe 1998, Emanuele Aloia compone da quando ha 13 anni. La prima pubblicazione risale al 2018 e si tratta del brano “Trasparente”. A questo seguono “Ricomincerai a ridere”, “Esisti solo tu”, “Oui oui”, “Abbronzatinstagram” fino ad arrivare a “Girasoli”, singolo con cui ottiene i primi importanti successi: oltre 9 milioni di streaming complessivi, quasi 5 milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube e oltre 20mila video su TikTok.

I presupposti per una carriera sfavillante ci sono tutti… Staremo a vedere!
Ora vi lasciamo all’interpretazione di Emanuele Aloia de “Il bacio di Klimt”:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *