Quanto era bello” è il titolo del nuovo singolo di Daino. Sembra la sceneggiatura di un film e invece è tutto tratto da una storia vera, quella dell’incontro tra l’artista e una ragazza: “È il ricordo di una notte milanese, un locale radical chic, due persone che incrociano le loro storie per un breve tempo tra un appartamento, un letto, un esame andato male e un tram che una sera sembra quasi galleggiare per le strade del centro.”. Alla fine, resta l’amaro in bocca per qualcosa che è finito, sensazione che Daino riprende in “Quanto era bello” e che è in netto contrasto con le sonorità indie/pop del testo.

Daino, al secolo Niccolò Dainelli, è un musicista polistrumentista e cantautore milanese di 21 anni. Si è diplomato in clarinetto al Conservatorio, concludendo contemporaneamente gli studi al Liceo Classico. Nel 2018 ha raggiunto un primo traguardo importante, arrivando tra i finalisti di Area Sanremo. Nel 2019 è volato a Boston per frequentare la Berklee College of Music grazie a una borsa di studio. Per lui questo è un periodo molto fervido dal punto di vista creativo, in cui sono nati i brani “Glovo” e “Ragazzi Nuovi“. Sempre nel 2019 ha collaborato come clarinettista con Paola Folli nel concerto rappresentazione “West Side Story” al Castello Sforzesco di Milano. Si esibisce inoltre come busker per le piazze di tutta Italia. E tra un’esibizione e l’altra, è approdato sul palco del Festival di Castrocaro Terme 2020, classificandosi secondo e pubblicando il singolo “Mioddio” (Warner Chappell Music Italiana).

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *