A partire dal prossimo 3 aprile 2020 arriverà in radio e su tutte le piattaforme digitali16 Marzo”, nuovo singolo di Achille Lauro, rapper e cantautore romano. Si tratta di un potente inno generazionale, una power ballad dai tratti melodici e nostalgici. La musica di Achille Lauro è un percorso di continua ricerca, evoluzione e crescita, che lo ha portato a diventare uno dei protagonisti più interessanti del panorama artistico italiano.
Il nuovo brano è una produzione di Warner Music/ElektraRecords l’etichetta di cui l’artista è direttore creativo. Non solo cantante, icona di moda e performer, Lauro è anche direttore creativo di Elektra Records, ruolo che gli consente l’ascesa all’Olimpo della discografia internazionale e la direzione creativa dei suoi nuovi progetti artistici.

Il 2020 sarà un anno ricco di novità per l’artista: i due singoli “Me ne frego” e “1990” sono stati certificati Disco d’Oro, mentre l’artista ha annunciato il suo atteso ritorno sui palcoscenici più importanti d’Italia, con Achille Lauro Live 2020, il tour in cui presenterà sul palco il suo alter-ego Achille Idol Immortale.

Per quanto riguarda il singolo “16 Marzo” l’artista ha raccontato: “Ho sempre curato con attenzione maniacale tutto ciò che riguardasse la mia musica: dalle parole dei miei brani, alla direzione delle produzioni musicali, all’immaginario visivo, ma soltanto adesso assaporo la libertà di forgiare la musica a mia immagine e somiglianza. Sono mesi che non dormo. Sono ossessionato dal creare. Ho trovato il me che ho sempre cercato. In questi giorni di isolamento, che mi hanno costretto ad un processo introspettivo e di meditazione profonda, ho trovato la forza creare arte e dare vita a questo brano, “16 Marzo”, che descrive l’attuale urgenza simbiotica di raccontare una nuova fase della mia eterna rinascita con un nuovo linguaggio, libero e liberato. Mai come questa volta sento la mia musica così mia.” .

Nel frattempo ecco il video di “Me ne frego”, canzone presentata al Festival di Sanremo 2020.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *