Rancore si esibirà il 5 aprile alle ore 22.00 in uno speciale concerto in onda su Rai Radio2, in diretta da Roma e con lo storytelling di Pier Ferrantini e Carolina Di Domenico.
L’esibizione in radio arriva dopo lo splendido successo del suo “Musica per bambini tour”, che ha registrato il tutto esaurito nelle due date di Torino, in quella di Firenze e in quella di Roma.
I live rispecchiano totalmente lo spirito dell’album “Musica per bambini”, ponendo ogni esibizione tra follia e fantasia, tra favole, mostri e musica per bambini, il tutto unito dalla voce di Rancore e da nuovi strumenti musicali.

Rancore, all’anagrafe Tarek Iurcich, nasce a Roma nel 1989. Durante l’adolescenza inizia il suo percorso musicale che presto lo porta ad affermarsi in ambiente capitolino. A soli 18 anni nel 2006 pubblica “Segui me”, il suo primo album. Nel 2012 partecipa a “Spit”, un talent show dedicato ai migliori rapper italiani su MTV Italia. Nello stesso anno esce “Silenzio“, considerato una pietra miliare del rap italiano.
Tra le sue collaborazioni possono essere ricordate quelle con Marracash, Dargen, Piotta, Big Fish, Dj Myke e, più recentemente, Danno, MezzoSangue, Murubutu, Claver Gold, Kenkode (CyberPunkers) e Giancane.
Nel luglio del 2015 Rancore e Dj Myke chiudono una collaborazione di anni pubblicando “S.U.N.S.H.I.N.E.”, definito da Michele Monina  la più bella canzone rap scritta nel nostro paese.
Nel 2016 l’artista romano porta la sua musica al cinema nel film “Zeta” e intanto inizia a girare la penisola raccontando il suo modo di concepire il rap.


Il 1 giugno 2018 pubblica “Musica per bambini”, che alla sua uscita è rimasto nella classifica degli album più venduti per 8 settimane e ha ricevuto oltre 10 milioni di streaming. Lo scorso febbraio, poi, è stato accanto a Daniele Silvestri in gara al Festival di Sanremo con il brano “Argentovivo”, di cui è co-autore.
Nel suo ultimo lavoro Rancore si riconferma come uno degli artisti più originali e interessanti nel panorama musicale italiano. Pur non abbandonando il suo caratteristico stile ermeneutico, l’artista si fa più esplicito e ironico. L’album è un viaggio interiore, un’accusa alla sua eccessiva fantasia. Nell’analizzare innanzi tutto i numerosi aspetti dell’estraneazione, il filo conduttore rimane quello dalla crescita dell’individuo.
Il rapper riesce ad amalgamare senza stonature sonorità potenti e parole violente a momenti più delicati, dove è la forza della scrittura a trainare il pezzo.

A proposito del disco, l’artista ha affermato: “Ho deciso di essere sincero come un bambino ed ho usato la musica come psicoterapia e le rime come anti-depressivo. Il progetto ‘Musica per bambini’ è un semplice urlo. (…) Un urlo fatto senza pretese come quando smetti di pensare che qualcuno può sentirti. Un urlo difficile da capire, come quello di un neonato dentro la culla. (…) Questo disco è un controsenso, un tocco di lucidità nella follia, un bambino che quando scopre il mondo reale vede qualcosa di incomprensibile. Per una volta posso dire di aver esagerato davvero.’’.

Intanto ecco le prossime date del “Musica per bambini tour”:

  • 30.03  Bliss – L’Aquila
  • 11.04  Teatro dei Rinnovanti – Siena
  • 13.04  Capitol – Pordenone
  • 14.04  Alcatraz – Milano
  • 03.05  Campus Industry – Parma

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *