A due anni dall’uscita di “MASTERS“, il 27 settembre 2019 arriva “MASTERS – Vol.2“, per continuare ad ascoltare Lucio Battisti come mai lo avete ascoltato!

Riconosciuto universalmente come musicista di genio assoluto, inguaribile curioso e appassionato di musica da chiunque si sia trovato a condividere con lui il percorso musicale, Lucio Battisti rappresenta innegabilmente un mattone imprescindibile nella storia della musica italiana. Da “La Canzone del Sole” a “Il mio canto libero“, passando per una “Acqua azzurra,acqua chiara“, passeggiando nei “Giardini di marzo” e provando “Emozioni“, l’indimenticabile e inimitabile artista ha avuto la straordinaria capacità di unire varie generazioni nel medesimo coro, nello stesso momento.  Chi non ha almeno un ricordo legato a una canzone riconducibile al binomio Battisti/Mogol? Brani senza tempo che restano e resteranno, indelebili.

A distanza di 25 anni dalla consegna dell’ultimo album in studio di Lucio Battisti, “Hegel”, e a due anni dall’uscita del primo volume, la Sony Music pubblica il secondo cofanetto a lui dedicato. A settembre, con l’uscita di “MASTERS 2” si completa il lavoro di restauro e rimasterizzazione dell’opera “Battisti come non lo hai mai ascoltato”: 48 brani estratti direttamente dai nastri analogici originali, restaurati e rimasterizzati a 24bit/192KHZ, la migliore definizione possibile. Nella versione CD, oltre alla musica, si aggiunge un esclusivo booklet di 40 pagine con foto e interviste a musicisti e produttori che hanno lavorato con lui, fra cui Renzo Arbore, Alessandro Colombini, Franz Di Ciocco, Mario Lavezzi, Phil Palmer, Mara Maionchi.

Il prodotto sarà in vendita a partire dal 27 settembre 2019, disponibile in due versioni:

  • Cofanetto 4 CD + booklet 40 pagine
  • Cofanetto versione triplo LP

Prenota la tua copia per ascoltare Lucio Battisti, il più grande musicista della storia della musica italiana, come non lo hai mai ascoltato. Il cofanetto è già disponibile in pre-order al seguente link BattistiMastersVol2.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *