Il prossimo 1 giugno partirà a Roma la terza edizione del “Gregory’s Jazz By The River”, festival di musica jazz lungo le sponde del fiume Tevere.
La location per eccellenza sarà Castel Sant’Angelo, con 180 concerti in calendario ed il “Gregory’s Jazz By The River” si annuncia come uno dei salotti più suggestivi del jazz romano, all’insegna dei grandi nomi nazionali ed internazionali.

Ma l’evento dell’estate romana non sarà solo musica. Un’area di 400 metri quadrati allestita e impreziosita da salottini, in tipico stile jazz club, sarà arricchita dalla possibilità di scoprire l’originale proposta culinaria composta dal meglio della tradizione regionale italiana ed un’elaborazione in chiave fusion della cucina giapponese. E’ la selezione del cocktail bar, però, ad aver reso celebre nel corso dei suoi 25 anni di attività il Gregory’s: la scelta delle più raffinate e prestigiose etichette di whisky, una mixology di altissimo livello e una ricercata carta di vini sono le componenti essenziali, che fanno la differenza.

“Gregory’s Jazz By The River” sarà aperto tutti i giorni, offrendo al pubblico 2 concerti al giorno: il primo partirà al tramonto e si potrà sorseggiare un drink durante un buon aperitivo, mentre il secondo, quello principale, accompagnerà la cena nel consueto orario serale.
Sul palco si alterneranno gli artisti più rinomati del panorama jazz italiano ed internazionale, senza dimenticare le amatissime jam sessions. Inoltre anche quest’anno verrà riproposto lo Smalls Live Collective: una tre giorni in collaborazione con lo Smalls Jazz Club di New York che porterà i migliori artisti made in USA nell’estate romana. Tra i tanti, confermati i nomi del batterista Joe Farnsworth, Danny Grissett e Jessie Davis.

La manifestazione prenderà il via il 1 giugno con con il trio del pianista Leonardo Borghi per l’opening party, il 5 e 6 giugno sarà il turno di Giovanni Amato, firma storica del jazz nostrano, mentre il 7 giugno ci sarà l’esibizione del contrabbassista Pat Senatore e del suo quartetto: Pat è una vera e propria leggenda, essendosi esibito con i più grandi del jazz mondiale come Carmen McRae e Freddie Hubbard. Mercoledì 12 e giovedì 13, invece, toccherà al talentuoso sassofonista iberico Ernesto Aurignac che, nonostante la giovane età, ha già avuto modo di esibirsi con nomi del calibro di Lee Konitz e Darryl Hall.

Che dire…
“Gregory’s Jazz by the River” è un invito per occhi, orecchie e palato; una tentazione a cui abbandonarsi per intraprendere un viaggio che porta l’essenza del jazz nel cuore di Roma.

INFO:

Gregory’s Jazz by the River
Lungotevere degli Altoviti

www.gregorysjazz.com

Info e prenotazioni:
+39 327 8263770

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *