La denuncia delle violazioni dei Diritti Umani non è solo urlata, ma dal 2003 è anche cantata dai grandi della musica italiana in gara per il Premio Amnesty International Italia. Insomma, il Festival di Sanremo è finito da poco e il mondo della musica ci riserva un’altra competizione fino all’ultima nota, dove per vincere non basterà avere il testo perfetto e l’armonia migliore, ma sarà necessario un contenuto denso di umanità. Il Premio Amnesty International Italia è nato “Festival di Voci per la libertà ─ Una canzone per Amnesty“, e verrà assegnato in seguito alla votazione di una giuria specializzata variamente composta da giornalisti e membri delle due organizzazioni che hanno curato in questi anni la riuscita del Festival. La set list di questo concerto per i diritti dell’uomo, redatta in seguito a segnalazioni del pubblico da casa e da esperti di settore, è composta da 10 brani di grandi della musica italiana. Per quest’anno abbiamo una gamma di concorrenti piuttosto variegata:

  • L’uomo nero” di Brunori Sas,
  • L’uomo che premette” di Caparezza,
  • Deserto” di Clementino,
  • Gli anni del silenzio” dei Decibel,
  • Ora d’aria” di Ghali,
  • Affermativo” di Jovanotti,
  • Stelle marine” de Le Luci della centrale elettrica,
  • Socialismo tropicale” de Lo Stato Sociale,
  • Vietato morire” di Ermal Meta,
  • Stiamo tutti bene” di Mirkoeilcane.

Vi rinfreschiamo la memoria con i vincitori degli anni passati:

  • Il mio nemico” di Daniele Silvestri
  • Pane e coraggio” di Ivano Fossati
  • Ebano” dei Modena City Ramblers
  • Rwanda” di Paola Turci
  • Occhiali Rotti” di Samuele Bersani
  • Canenero” dei Subsonica
  • Lettere di soldati” di Vinicio Capossela
  • Mio zio” di Carmen Consoli
  • Genova Brucia” di Simone Cristicchi
  • Non è un film” di Frankie Hi-Nrg MC e Fiorella Mannoia
  • Gerardo nuvola ‘e Povere” di Enzo Avitabile e Francesco Guccini
  • Atto di forza” di Francesco e Max Gazzè
  • Scendi giù” di Alessandro Mannarino
  • Pronti a salpare” di Edoardo Bennato
  • Ballata triste” di Nada

Chi di questi illustri cantautori vincerà il contest canterà a “Voci per la libertà ─ Un canzone per Amnesty”, in un giorno compreso tra il 19 e il 22 luglio a Rosolina Mare, in provincia di Rovigo. Come ogni festival, viene data la possibilità agli artisti emergenti di farsi conoscere. Sul sito Voci per la libertà c’è il bando per l’iscrizione per quei nuovi artisti che abbiano composto una canzone sui diritti umani. Avranno tempo fino al 30 aprile per iscriversi, ma chi compilerà la richiesta di partecipazione entro il 10 marzo beneficerà anche del voto online e del conseguente Premio Web Social, conquistando automaticamente la partecipazione alla parte live del contest.
Inoltre ci sarà anche il Premio Under 35 che, insieme ad ulteriori 6 brani scelti dall’Associazione Voci per la Libertà, parteciperanno alla fase live del festival. Per celebrare i 20 anni di “Voci per la Libertà ─ Una canzone per Amnesty” è uscito nelle librerie a dicembre dello scorso anno un volume che racconta coralmente le esperienze di grandi cantautori e di volontari che ogni anno rendono possibile il Premio Amnesty International Italia.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *