E’ da venerdì 23 marzo, in onda su tutte le radio “Maldamore“, il nuovo singolo di Simona Molinari, una delle voci più amate del panorama jazz italiano. Il titolo ci suggerisce che abbia voluto cantare pene d’amore. In modo mai banale, Simona rinuncia in modo quasi socratico a dare una definizione compiuta del sentimento più travolgente della sfera delle pulsioni. Alla domanda “che cos’è l’amore?” la cantautrice non sa dare una risposta, quindi sceglie di sospendere il giudizio e raccontare in forma d’arte il netto della sua personale esperienza di vita a riguardo.
Se la stesura e composizione del brano comprendono sicuramente una seria messa in gioco di espressione e tecnica, la produzione che c’è stata dietro non si è di certo risparmiata. Il singolo, infatti, è stato registrato a Roma (all’Isola degli artisti) e missato a New Orleans, nel celebre The Parlor Studio. “Maldamore” è già disponibile su Spotify per i più curiosi. Per il video, invece, la cantante napoletana su Instagram ci chiede un po’ di pazienza, poiché dovremmo aspettare fino al 26 marzo.
Nel frattempo è il caso di coccolarsi le orecchie con i numerosi successi di Simona Molinari, la cui potenza espressiva e il cui talento vocale sono sbarcati senza problemi sulla scena internazionale. La lunga tournée che l’ha tenuta impegnata recentemente ha superato i 100 concerti tra il Bel paese e l’estero. Sembra che molti artisti di fama mondiale abbiano sgomitato per duettare o collaborare con lei. In un mondo difficile come quello della musica contemporanea, può vantare di aver cantato con Al Jerreau, Gilberto Gil, Peter Cincotti (jazzista newyorkese col quale la ricordiamo al Festival di Sanremo del 2013 sulle note del pezzo “La felicità“) e ancora Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Lelio Luttazzi, Renzo Arbore, Massimo Ranieri, Fabrizio Bozzo, Franco Cerri, Stefano Di Battista, Dado Moroni, Roberto Gatto, Roy Paci e Danny Diaz.
A seguire potete vedere la copertina del singolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *