Da sabato 8 dicembre fino a martedì 18 dicembre presso lo storico Teatro Dal Verme di Milano saranno realizzati i concerti di Ludovico Einaudi, pianista e compositore italiano.
Ludovico Einaudi si è formato al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, avendo come docente Luciano Berio, compositore italiano d’avanguardia e pioniere anche nel campo della musica elettronica. I concerti sono un appuntamento tradizionale con la musica di Einaudi. Per il terzo anno consecutivo, il compositore chiude nella sua città natale una stagione ancora una volta straordinaria, che lo ha portato a suonare all’Opera House di Dubai, alla Keshvar Big Hall di Teheran, al Radio City Hall di New York, ma anche in Asia, Cina, Giappone, Macao, negli Stati Uniti e in Messico.
Einaudi ha cominciato la sua carriera come compositore classico e ha iniziato incorporando altri stili e generi tra cui pop, rock, world music e musica popolare. Il compositore milanese ha anche realizzato diverse colonne sonore di numerosi film per il grande schermo. Einaudi ha pubblicato una serie di album da solista di pianoforte e orchestra, come “I giorni” (2001), “Nightbook” (2009) e “In a Time Lapse” del 2013.

Il 16 ottobre del 2015 è uscito l’ultimo lavoro discografico dell’autore italiano, intitolato “Elements” composto da 15 tracce nella versione deluxe, prodotto dalla Decca Records. L’album si concentra sugli elementi in natura, è un album realizzato con preziosi collaboratori che hanno prestato il proprio talento in diversi brani. Tra questi c’è Mauro Refosco, un percussionista brasiliano che ha collaborato con artisti come Red Hot Chili Peppers, Dirty Projectors e David Byrne. Il disco è completato dalle variazioni su brani quali “Elements“, “Drop” e “Twice“. L’opera ha venduto più di 25.000 copie in Italia e ha ricevuto la certificazione del Disco d’Oro.
Per Ludovico Einaudi i concerti del Teatro Dal Verme di Milano sono un po’ come tornare a casa e festeggiare insieme al pubblico un altro anno di viaggi e avventure musicali.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *