Il chitarrista dei Negramaro Lele Spedicato non è più in pericolo di vita: l’artista infatti ora respira autonomamente ed è vigile. I medici, infatti, hanno sciolto la prognosi per Lele Spedicato, l’amatissimo chitarrista della band salentina ricoverato in ospedale da metà settembre scorso, dopo essere stato colto da un malore mentre si trovava a bordo piscina nel giardino della sua villa.
Questo è quanto riportato nel bollettino medico: “Ora il paziente è fuori pericolo e respira autonomamente e le sue condizioni di salute stanno migliorando. Spedicato non è più considerato in pericolo di vita, è vigile, respira autonomamente, risponde bene agli stimoli e presenta valori buoni in tutti i parametri; il quadro clinico neurologico ha mostrato evidenti progressi negli ultimi giorni, per cui è stato possibile staccare i macchinari per la respirazione automatica. Ora, superata la fase più difficile, i prossimi 10 giorni saranno fondamentali per monitorare accuratamente le condizioni del paziente, al fine di valutare la possibilità di un suo trasferimento in un centro specializzato, così da poter avviare un adeguato percorso di riabilitazione.“.
Non possiamo far altro che augurare a Lele una pronta guarigione: siamo sempre vicini alla sua famiglia, ai suoi amici e ai Negramaro.
Vi terremo aggiornati sugli sviluppi, ma oggi siamo felici di potervi dare buone notizie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.