Ian Anderson nel 2014 ci aveva annunciato lo scioglimento definitivo dei Jethro Tull, la band progressive rock di cui era il frontman. Che poi incasellare i Jethro Tull all’interno di un genere, per quanto complesso, come il progressive è semplicistico: sono stati folk, sono stati jazz, sono stati blues ma sono stati anche classici. Ci furono pianti e disperazione, trattandosi di una delle band più amate ed attive dagli anni ’70 ad oggi.
Pensavamo ormai di poterci accontentare del solo flauto di Anderson, che è comunque una coccola per le orecchie, che non ha mai smesso di riproporre brani che aveva suonato insieme alla band. Ma insieme all’incanto per la maestria dell’ex frontman dei Jethro Tull sale anche la nostalgia di Goodier al basso, di O’Hara alle tastiere, di Opahle alla chitarra e di Hammond alla batteria, che neanche ascoltando vecchi cd o guardando video di scarsa qualità su YouTube si riesce a soffocare.
Pensavamo che ormai l’ultimo live dei Jethro Tull c’era ormai stato. Ma a quanto pare ancora non è arrivato il momento definitivo per loro abbandonare il palco. Non c’è intenzione più encomiabile per una band del loro calibro di voler festeggiare con i fans il compimento di mezzo secolo con un tour mondiale e persino un nuovo album. L’Italia li ospiterà in ben 5 tappe:

  • 18 luglio, Porto Recanati (Macerata), Arena Gigli;
  • 19 luglio Roma, Auditorium Parco della Musica;
  • 21 luglio Cagliari, Arena S. Elia;
  • 23 luglio Milano, Ippodromo Snai San Siro;
  • 24 luglio Firenze, piazza Ss.ma Annunziata.

Indiscrezioni sulla setlist dicono che ripercorreranno i momenti salienti della loro storia compositiva, dagli esordi ai mattoni fondamentali che hanno impiantato nella storia della musica, come “This was“, “Stand up“, “Benefit“, “Aqualung”,Thick as a brick“, “Too old to rock and roll: too young to die“, “Songs from the wood“, “Heavy horses“, “Crest of a knave” e anche la più recente “TAAB2“.
Uscite le date, mancano solo i biglietti. Non dimenticate di attivare l’allarme su TicketOne: si esauriranno in fretta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *