Oggi spettacolo News vi propone l’intervista esclusiva al cantante Alessandro Casillo che, dopo una lunga pausa, lo scorso 1 giugno è tornato sulle scene musicali con il brano “Ancora qui”. Alessandro Casillo, classe 1996, è stato lanciato dal talent show di Canale 5 “Io Canto” e ha vinto nel 2012, grazie al brano “E’ vero (che ci sei)“, la 62esima edizione del Festival di Sanremo per la categoria nuove proposte. In questa intervista Alessandro si racconta ai nostri lettori aprendo la scatola dei suoi ricordi, con uno sguardo rivolto al futuro. Buona lettura!

Dopo una lunga pausa hai deciso di ritornare sulle scene musicali con un brano di Emiliano Bassi che porta il titolo di “Ancora qui”. Di nuovo qui per raccontare?
In questo periodo di silenzio si sono concretizzate diverse cose nella mia vita. Il conseguimento del diploma e l’indipendenza economica raggiunta, grazie all’inserimento nel mercato del lavoro, mi ha dato la giusta carica per voler ricominciare da dove ho interrotto. Ora, sono qui per raccontare la persona determinata che sono e tutto quello che ho voglia di fare. So che non è facile ma tutto ciò che desidero è fare musica.

Nel 2012 ti sei guadagnato la vittoria di Sanremo giovani con il pezzo “E’ vero che ci sei”. In tutti questi anni, lontano dai riflettori, quando ripensavi a quel periodo su cosa soffermavi la tua attenzione?
Quel periodo per me è stato davvero speciale. E’ stato come raggiungere la vetta solo per un secondo. Ho vissuto dei momenti molto belli e non solo a Sanremo. Grazie al talent show “Io canto” ho ottenuto la notorietà ed io mi sono sempre sentito a mio agio. Ciò che mi ritornava sempre alla mente era la mia gioia e la mia serenità, legata a quel periodo, per tutto ciò che ho fatto e che voglio continuare a fare. Se una persona ha la possibilità di realizzare ciò che desidera sta bene con se stessa ed io voglio stare bene.

La scelta di fermarsi da cosa è stata dettata?
Mi sono allontanato dalla musica perché dovevo diplomarmi e questo mi ha portato via del tempo e in seguito ho iniziato a lavorare. Poi nel momento in cui ho avvertito l’esigenza di ritornare ho dovuto capire cosa e come Alessandro si sarebbe dovuto raccontare. Sono davvero felice di essere uscito con un brano che mi piace molto, al quale ho lavorato con tanto amore e dedizione.

Il tuo ritorno con “Ancora qui” prevede ora un progetto discografico importante?
Certo! Sto lavorando al mio nuovo album anche se non so ancora dare una data di pubblicazione precisa. Certo è che sarà anticipato anche dall’uscita di altri pezzi che si aggiungeranno ad “Ancora qui”. Insomma Patrizia tante cose belle!

Hai continuato comunque a fare musica in questo periodo?
Assolutamente sì! Mi sono dedicato completamente alla scrittura. Mettendo a confronto i miei lavori passati con quelli attuali posso dire di essere cresciuto molto musicalmente.

Quali saranno i tuoi progetti futuri?
Il mio obiettivo futuro è quello di pubblicare un pezzo firmato da me e che soprattutto piaccia al pubblico. Questa sarebbe proprio una gran bella soddisfazione.

Ci sono degli artisti con cui ti piacerebbe lavorare?
Ce ne sono tanti, se dovessi darti un nome internazionale ti direi Justin Timberlake.

Quale genere musicale ti ha accompagnato sin da piccolo?
Ho sempre ascoltato un po’ di tutto e ho cercato di trarre il meglio da tutti i generi. Gli artisti che mi hanno condizionato maggiormente sin da bambino sono stati Michael Jackson e poiché mio padre è un fan appassionato di Claudio Baglioni sono praticamente cresciuto con pane e Claudio Baglioni.

Patrizia Faiello

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *