Spettacolo News oggi vi propone un’intervista a Marirosa Fedele, cantautrice dalle origini brasiliane. Scoprire artisti emergenti, cantanti, cantautori, musicisti è forse una delle cose più belle ed interessanti di questo lavoro ed ho avuto, sino ad ora, la fortuna di intervistare molti ragazzi che fanno o sognano di fare della musica la loro vita.
E’ questo il caso di Marirosa Fedele, con la quale ho fatto quattro chiacchiere e che ora ho il piacere di presentare ai lettori di questo blog attraverso qualche domandina!


Il singolo “Fragile lacrima”, estratto dal tuo EP di inediti intitolato “Cuciti gli occhi” risulta subito all’ascolto come una vera e propria fusione di ritmi sudamericani e musica pop: come è nata questa canzone? Volevi far emergere anche musicalmente le tue origini brasiliane?

“Fragile Lacrima” nasce dalla voglia di far incontrare musicalmente le mie origini. Avendo avuto poche occasioni di conoscere realmente la terra in cui sono nata, il Brasile, cerco di portare con me sempre un suono studiato nel tempo, un colore raccolto nel vento, una ritmica che porto dentro da sempre e che mi ricorda lei!

Nel brano si racconta la storia di un incontro/scontro amoroso mai concluso e sembra voglia  comunicare con una dose di ironia e delicatezza alcuni attimi tra due persone: da cantautrice, per comporre i tuoi pezzi ti ispiri a fatti che accadono realmente o lasci viaggiare la fantasia?

Molto spesso nella mia musica racconto scene di vita reali. Attraverso uno sguardo attento a ciò che mi circonda colgo e raccolgo dalla vita di tutti i giorni attimi, sensazioni ed emozioni che racchiudo poi nelle storie musicali che racconto. Raramente ho scritto brani che tracciassero un pensiero fantasioso; questo è capitato invece nella scrittura, da uno spunto di storia ho tracciato i margini e le immagini per descrivere i legami visibili e invisibili dei personaggi che vivono una storia, la loro storia.

Quali sono i tuoi progetti a breve termine e quali, invece, i tuoi sogni più grandi?

Per il periodo estivo sono previsti diversi appuntamenti live in cui presenterò l’EP “Cuciti gli occhi” e in cui farò un viaggio musicale nel Brasile di ieri e di oggi. Sarò impegnata nella scrittura di alcune musiche da film e completerò alcuni nuovi brani che sono nel cassetto e che non vedo l’ora di “far suonare”. Il mio sogno più grande, poi, è far conoscere sempre più la mia musica e far si che quello che canto arrivi sempre più al cuore delle persone…!

Ti piacerebbe portare la tua musica all’estero? Dove in particolare e perché?

Sì, molto. Mi piacerebbe portare la mia musica in America Latina, è una terra alla quale sono molto legata e sarebbe davvero interessante poter ripartire da lì, da uno dei continenti che un po’ mi appartiene!

Cosa ami fare nel tempo libero? Ascolti musica di altri artisti italiani?

Nel tempo libero amo molto leggere e ascoltare le novità musicali che il panorama italiano ed internazionale offrono. Mi incuriosisce molto studiare le atmosfere che vengono create soprattutto nella musica nu soul, nu jazz, R&B e poi adoro ascoltare tutta la musica brasiliana.

Il motto di Marirosa Fedele o la frase che ti rispecchia maggiormente?

Let it be ( Lascia che sia…).
Scelgo questa frase tratta da un brano dei Beatles perché credo che nella vita tutto capiti per una ragione bella o brutta che sia. Noi possiamo si indirizzare gli eventi, ma non possiamo controllarli e per questo scelgo “lascia che sia”, perché una volta tracciata una strada, la nostra strada, come un contadino che semina la terra, aspettare fiduciosi che qualcosa nasca, cresca, credo sia la scelta migliore…

Carlotta d’Agostino

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *