La compositrice Valeria Altobelli ha spiccato nel corso dell’ultima edizione del Festival del Cinema di Roma: lo ha fatto in due delle proiezioni più rappresentative di questo Festival, con testi in lingua italiana e in lingua inglese, firmando musica e parole per ben due film. Si tratta di un cortometraggio italiano e di un film internazionale proiettati, rispettivamente, all’Auditorium Parco della Musica e all’Auditorium della Conciliazione.

Il primo red carpet su cui la Atobelli ha sfilato è stato quello del 21 ottobre scorso, in occasione della presentazione del cortometraggio dedicato al calcio femminile “Maledetta Primavera“, in cui l’artista – oltre ad essere coproduttrice e attrice nell’opera – ha firmato anche il brano originale della colonna sonora, dal titolo “Un sogno non mi basta“. Valeria, impegnata da diversi anni sul fronte femminile, si è appassionata al progetto che racconta la storia di un sogno di una bambina, patrocinandolo con la sua Onlus mondiale, Mission e inserendo al suo fianco enti quali il Coni e la Figc. Il corto è stato presentato nell’ambito del progetto Womenlands, fortemente voluto per sottolineare il tema della parità di genere da Alice nella Città e dal Comitato Roma Expo2030, rappresentato, durante la prima del corto, dall’ex ambasciatore e presidente del comitato promotore Giuseppe Scognamiglio, amico e collega di Valeria presso il polo universitario di Cassino, dove la Altobelli è professoressa di International Cyber Law.

Valeria Altobelli ha poi calcato il red carpet di chiusura della Festa del Cinema di Roma 2023 per la proiezione internazionale più attesa, quella di “Paradox Effect“, film diretto da Scott Weintrob e prodotto da Ilbe di Andrea Iervolino, con star mondiali del calibro di Gerard Butler e Oliver Trevena.

Sui titoli di coda del thriller ambientato in Italia, che ha visto l’epica partecipazione della leggenda Harvey Keitel, insieme a Olga Kurylenko e allo stesso Trevena, le note di “Isolation“, brano composto e firmato, per musica e parole, dalla Altobelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *