Sembra proprio che le brutte notizie non vogliano lasciarci in questo periodo. Dopo la scoperta della malattia di Fedez, ora veniamo a conoscenza del problema che ha colpito un attore molto noto e molto amato americano. Parliamo di Bruce Willis, interprete di film cult come “Pulp Fiction” (1994), “L’ultimo boyscout” (1991), “L’esercito delle 12 scimmie” (1995), “Il quinto elemento” (1997), “Armageddon – Giudizio finale”, (1998), “The Sixth Sense (1999).

Una carriera costellata di successi, di riconoscimenti e nel mezzo il matrimonio con la ex moglie Demi Moore, da cui ha avuto le figlie Rumer (33 anni), Scout (30 anni) e Tallulah (28 anni) e le seconde nozze con Emma Heming, da cui sono nate Mabel (9 anni) e Evelyn (7 anni). Ad offuscare una vita apparentemente perfetta la tragedia annunciata dalla famiglia di Bruce Willis: “Questo è un momento difficile per la nostra famiglia e apprezziamo davvero il vostro persistente affetto, compassione e sostegno. Agli straordinari fan di Bruce, vogliamo condividere che il nostro amato Bruce ha avuto dei problemi di salute e di recente gli è stata diagnosticata una afasia, che ha compromesso le sue abilità cognitive e per questo metterà da parte la sua carriera che significa tanto per lui”, si legge sui social.

L’afasia, infatti, comporta la perdita della capacità di comporre o comprendere il linguaggio. È così che, a 67 anni, Bruce Willis si trova costretto a chiudere un capitolo importante della sua vita come, sicuramente, non avrebbe mai voluto fare. Forza Bruce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *