La startup ProperSet ha lanciato la challenge #Homemadecinema, per sfidare la noia e trasformare la propria casa in un set cinematografico. In questo periodo di emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus, sul web sono state tante iniziative in ambito artistico che hanno riguardato i vari settori dello spettacolo, dalla musica al cinema, passando per l’arte e la fotografia. Il tutto per intrattenere le persone costrette a casa e, perchè no, coinvolgere personaggi famosi e non.
Nei giorni scorsi la startup ProperSet ha lanciato su Instagram la challenge #Homemadecinema: la sfida – che vede protagonisti attori, star del cinema, della TV e del web – è quella di ricreare in casa propria scene iconiche di film celebri.
Tra i personaggi noti che hanno scelto di partecipare all’iniziativa troviamo Fabrizio e Claudio Colica – i fratelli romani celebri sul web come Le Coliche -, ma anche Neva Leoni ed Emanuel Caserio, protagonisti della fiction Rai “Il paradiso delle signore” e l’attrice napoletana Irene Maiorino, conosciuta per aver preso parte a serie TV come “Gomorra“, “I bastardi di Pizzofalcone” e “1994“.

In sole 48 ore #Homemadecinema ha raggiunto oltre 300mila persone, che hanno popolato il profilo Instagram della startup con le riproduzioni girate tra le mura domestiche, di alcune delle scene più celebri del cinema mondiale. Tra i tanti film troviamo riprodotta con effetti speciali una scena del cartoon “La Bella e la Bestia“, ma non sono mancate opere come “Titanic“, “Frankestein Junior“, “Lala Land” e “Requiem for a dream“.

ProperSet punta a portare una piccola rivoluzione nel mondo delle produzioni cinematografiche italiane, grazie ad una piattaforma che ha lo scopo di mettere in contatto i proprietari di immobili e gli operatori del settore immobiliare, con tutti quei professionisti che hanno bisogno di location per cinema, TV, pubblicità o eventi.
E proprio quando il team di ProperSet aveva appena terminato di testare il prototipo della piattaforma, è arrivato il blocco totale di ogni attività e l’obbligo di rimanere a casa. Perchè, quindi, non trasformare questo cambio di abitudini in un’opportunità? In un qualcosa di nuovo e divertente?

Il progetto nasce dall’esigenza di rendere digitale e accessibile a tutti un mercato che fino a oggi si è sostenuto solo attraverso contatti privati. Esigenza che Simona Valestro – co-founder ProperSet- ha riscontrato in oltre 15 anni di esperienza nella ricerca di location per produzioni cinematografiche, pubblicità e photo shooting. “L’attuale sistema di ricerca delle location è
piuttosto obsoleto per tutte le parti” – ha spiegato – “Da un lato ci sono i location manager, che possono offrire un pacchetto location limitato ai propri clienti, dall’altro ci sono i proprietari di hotel e ville destinate all’affitto, o di case private che oltre ad avere poca possibilità di essere trovati devono poi affrontare la gestione tecnica economica e contrattuale di una produzione, per niente semplice per chi non è del mestiere.”.
L’idea iniziale era quella di applicare il modello Airbnb alle location per le produzioni, ma successivamente il team di ProperSet è arrivato a sviluppare una vision complessiva che prevede l’intera digitalizzazione di tutta l’industria. Una trasformazione che permetterebbe finalmente di standardizzare processi e qualità del lavoro, trasformando il sistema attuale.

Il team di ProperSet è prevalentemente al femminile, costituito da esperte di produzioni cinematografiche: oltre a Simona Valestro, ci sono anche Marcella Buccino e Carolina Pignata, co-founder di Homeating (società di organizzazione di eventi esclusivi in dimore d’arte), Luigi Meschini, avvocato esperto di sviluppo aziendale e strategie di vendita, Francesco Grande, digital strategist e responsabile del marketing mix e Dario De Angelis, Senior Account a Elasticsearch e mentor per Startup Weekend in Italia e Dubai.

Per saperne di più sulla realtà di ProperSet potete cliccare QUI, mentre per quanto riguarda la challenge vi rimandiamo al loro profilo Instagram ufficiale QUI.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *