Tra i film in gara della sezione fuori concorso al Torino Film Festival 2020 ci sarà anche “Calibro 9” di Toni D’Angelo. Il regista del noir “Falchi” ha diretto Marco BocciKsenia RappoportMichele PlacidoAlessio Boni e Barbara Bouchet nel proseguo del capolavoro di Ferdinando Di Leo intitolato “Milano Calibro 9”. Filo conduttore la storia della malavita organizzata degli anni ’70 e la realtà criminale della ‘ndrangheta di oggi.

“Calibro 9” è prodotto da Minerva Pictures con Rai Cinema, in co-produzione con la belga Gapbusters e sarà distribuito prossimamente da Minerva Pictures.

Di seguito la sinossi di “Calibro 9”:

Milano, oggi. Fernando, il figlio di Ugo Piazza, è un brillante penalista cresciuto da sua madre Nelly con l’intento di farne un uomo diverso da suo padre. Ma se in città scompaiono 100 milioni di euro con una truffa telematica, e se il principale indiziato è proprio un cliente dell’avvocato Fernando Piazza, quel cognome non può non avere un peso e portare ad un naturale collegamento. Soprattutto se la società truffata è solo una copertura e, chi c’è dietro, è una delle più potenti organizzazioni criminali del pianeta: la ‘ndrangheta. Milano, Calabria, Francoforte, Mosca e Anversa sono solo alcune caselle dello scacchiere su cui Fernando è costretto a giocare la partita per la propria vita… una partita da giocare a tutto campo, impegnativa come il nemico che si trova a fronteggiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *