Il prossimo 21 marzo – giorno in cui si celebra la giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale – arriva sul grande schermo lo sconvolgente documentarioIl Venerabile W.“, che svela la figura e il percorso di Wirathu, maestro buddhista birmano che predica “la protezione della razza e della religione”, esortando al massacro del popolo musulmano dei Rohingya.
Il regista candidato al Premio Oscar Barbet Schroeder (“Barfly”, “Il mistero Vol Bulow”) si chiede come una filosofia così pacifista e tollerante come il Buddhismo, da lui stesso praticata, possa provocare tali degenerazioni nell’animo umano.
Attraverso un’intervista esclusiva con Wirathu, Schroeder ci porta dolorosamente a conoscenza di una situazione pressoché sconosciuta in Italia, ma che riflette in modo esponenziale i delicati equilibri internazionali e si ripercuote su ogni Paese, per quanto geograficamente lontano.

Il film, distribuito in Italia da Satine Film (attualmente in sala con “Un valzer tra gli scaffali”) ha ottenuto il Patrocinio di Amnesty International, con la seguente motivazione del Portavoce di Amnesty Italia, Riccardo Noury: “La domanda, dopo ogni genocidio, crimine contro l’umanità, pulizia etnica, è sempre la stessa: come è potuto accadere? Per quanto riguarda i Rohingya, in questo film c’è la risposta“.

A seguire avrete modo di vedere il trailer ufficiale italiano del documentario “Il Venerabile W.” e leggerne la trama.

La sinossi:In Birmania, il “Venerabile Wirathu” è un monaco buddhista altamente rispettato e influente. Incontrarlo equivale a viaggiare nel cuore del razzismo quotidiano e osservare come l’islamofobia e l’incitamento all’odio portino alla violenza e alla distruzione. Eppure, questo è un Paese dove il 90% della popolazione ha adottato il Buddhismo come fede: una “religione” che fonda la propria essenza su un modo di vivere pacifico, tollerante e non violento.

Il trailer ufficiale italiano:

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *