In uscita nelle sale cinematografiche italiane il 3 gennaio 2019 il film “Il Gioco delle Coppie”, nome internazionale “Non Fiction – Doubles Vies”, che ha coinvolto il pubblico dell’ultima Mostra del Cinema di Venezia in ricche risate.

Vi regaliamo un assaggio per assaporare le risate che vi aspettano con il fantastico poster finalmente uscito.

Diretta dal regista francese Olivier Assayas (pluripremiato con “Qualcosa nell’aria“, “Sils Maria“, “Personal Shopper) e distribuita da I Wonder Pictures, la pellicola parla di Alain (Guillaume Canet), fiero editore di libri di successo, che affronta con impegno le relazioni complicate della sua vita professionale e privata: un rapporto stantio con la moglie Serena (Juliette Binoche), star delle serie TV; un rapporto delicato con l’autore di vecchia data (Vincent Macaigne), per la pubblicazione del nuovo libro. Affascinato dai media digitali e dai social, assume una giovane donna, molto determinata e ambiziosa, come “responsabile della transizione digitale”. Ma quest’interesse, quest’assunzione… complicano le cose.

I tempi moderni mutano in fretta. Alle spalle il Vecchio Mondo, quello della carta, dell’analogico, fedele; davanti il Nuovo Mondo, quello dell’elettronica, del digitale, fedifrago. Assayas racconta in maniera frizzante queste rapide trasformazioni dal punto di vista di un gruppo di uomini e donne con certezze vacillanti e valori in crisifra giochi di coppia e relazioni in un equilibrio costantemente precario. Una fotografia dei nostri tempi, esilarante, a colpi di battute e conversazioni incentrate sull’evoluzione tecnologica, su come essa incida su tutti, sui suoi pro e i suoi contro, i guadagni e le perdite.

Il cast è formato da Guillaume Canet, Juliette BinocheVincent MacaigneNora HamzawiChrista ThéretPascal Greggory.

Il nostro mondo è in continuo cambiamento” – dichiara il regista – “è sempre stato così. La questione è la nostra capacità di tenere d’occhio tale flusso, di capire che cosa è veramente in gioco e poi di adattarci o meno. Dopo tutto, questo è il senso della politica e dell’opinione pubblica. La digitalizzazione del nostro mondo e la sua riduzione ad algoritmi è il vettore moderno di un cambiamento che ci confonde e ci travolge inesorabilmente. Questo film cerca di osservare, a volte in modo divertente, le domande che assillano ciascuno di noi.”.

Designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI con la seguente motivazione:

Acuto narratore della contemporaneità, stavolta Assayas ci porta con la sua brillante scrittura dentro un confronto serrato tra analogico e digitale, realtà e finzione, vita e letteratura, in una giostra, apparentemente leggera e scanzonata, dove anche tradimenti e segreti rappresentano un segnale evidente di questi tempi controversi.”.

E’ meglio restare ancorati al passato, fatto di limiti e valori, o lanciarsi in un futuro, elettrizzante e spregiudicato?
Dal 3 gennaio, dopo la aver visto “Il gioco delle coppie”, potrete aggiungere un nuovo punto di vista alla nostra risposta.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *