Il film horror del 1977Suspiria” – diretto dal regista Dario Argento – ritorna in una nuovissima versione creata dal regista candidato al Premio Oscar Luca Guadagnino, e arriva nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 1 gennaio 2019.
Tra gli interpreti vi sono nomi internazionali di grande spessore come l’attrice premio Oscar Tilda Swinton, che abbiamo visto in “… E ora parliamo di Kevin”e “Doctor Strange” e Dakota Johnson, protagonista della trilogia de “Cinquanta sfumature di Grigio”. Vi sono poi Chloë Grace Moretz che ha recitato in “Resta anche domani” eLa diseducazione di Cameron PostMia Goth, interprete in “La cura dal benessere.
La colonna sonora della pellicola è stata invece firmata dal cantante dei RadioheadThom Yorke.
“Suspiria” è stato prodotto e distribuito da Amazon e Videa e ha reso disponibile il suo poster ufficiale, oltre che il trailer.

Il poster:

La sinossi:

Il candidato all’Oscar® Luca Guadagnino (Chiamami col tuo nome) dirige una versione inquietante e visionaria del classico horror del 1977, Suspiria. In questo scioccante horror psicologico, l’ambiziosa danzatrice americana Susie Bannion arriva a Berlino negli anni ’70 con la speranza di entrare nella rinomata Compagnia di Danza Helena Markos. Già dalla prima prova, Susie, col suo talento, sbalordisce la famosa coreografa Madame Blanc, guadagnandosi il ruolo da prima. Olga ha un crollo emotivo e accusa le “Madri” che dirigono la compagnia, di essere delle streghe. Prima che possa fuggir via, però, viene catturata e torturata da una forza misteriosa, legata in qualche modo alla danza di Susie… Durante le prove per l’esibizione finale “Volk”, Susie e Madame Blanc si avvicinano sempre di più, rivelando come l’interesse di Susie per la compagnia vada oltre la danza. Nel frattempo un anziano psicoterapeuta, il dottor Klemperer, cerca di svelare i segreti più oscuri della compagnia con l’aiuto di Sara, un’altra ballerina, che esplorerà i sotterranei della scuola dove l’attenderanno atroci scoperte…

Il trailer:

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *