È uscito ieri nelle sale cinematografiche “Il ragazzo invisibile – seconda generazione”, il nuovo film diretto dal regista Gabriele Salvatores. Tre anni dopo l’uscita del primo capitolo della saga fantasy, avvenuta nel 2014, “Il ragazzo invisibile” torna ad affrontare nuove sfide. A vestire i panni del supereroe è ancora una volta il giovane Ludovico Girardello, che nel film si chiama Michele Silenzi.
Il protagonista è ormai un adolescente alle prese non solo con i poteri che lo rendono speciale, ma anche con tutti quei problemi più o meno grandi che caratterizzano la vita di chi è alle prese con le sfide poste dal diventare adulti: un amore non ricambiato, il difficile rapporto con gli adulti e la scoperta di nuove forze e pulsioni. A turbare ulteriormente l’equilibrio già precario del ragazzo, irrompono nella sua vita una misteriosa sorella gemella e la madre naturale.
“Il ragazzo invisibile – seconda generazione”, costato 8 milioni di euro, è più ricco di effetti speciali rispetto al precedente capitolo e si avvale di una straordinaria colonna sonora a cura di Federico De Robertis.
É la prima volta che si fa una saga fantasy per adolescenti in Italia” – spiega Salvatores – “ma a differenza di altri film del genere il mio ha qualcosa di più simile ad Harry Potter, ovvero ha come protagonista un
personaggio che cresce (…). Questa volta Michele scopre il suo lato oscuro e melanconico.”. Più vicino a un film di formazione, quindi, che ai classici blockbuster americani sui supereroi. Qui il protagonista non è chiamato solo a salvare il mondo e a lottare contro dei super cattivi, ma la battaglia più grande che deve affrontare è con se stesso, la sua più ardua sfida è crescere. Nonostante ciò non mancheranno epici scontri e malvagi antagonisti, tutti con un originale taglio europeo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *