Sony Pictures Entertainment ha diffuso il poster e il trailer ufficiali di “All the Money in the World”, ovvero “Tutti i soldi del mondo”, la nuova pellicola diretta da Ridley Scott. Il Film, scritto da David Scarpa, racconta la vera storia del rapimento di John Getty III, pronipote del grande imprenditore petroliere statunitense John Getty, avvenuto a Roma nel 1973.
“All the money in the world” è stato girato, a partire da luglio 2017, oltre che a Londra e nel Sahara, soprattutto in varie località romane tra cui Prati, Piazza Navona e il quartiere Nomentano e a Bracciano, nei dintorni della capitale. Nel cast ci sono attori di alto calibro come Mark Wahlberg, Michelle Williams, Kevin Spacey, Romain Duris, Timothy Hutton e il giovane Charlie Plummer, premiato di recente a Venezia per la sua interpretazione in “Lean on Pete“, diretto da Andrew Haigh.
Il film, prodotto da Dan Friedkin, Bradley Thomas, Mark Huffam, Chris Clark, Quentin Curtis e dallo stesso Ridley Scott, uscirà nelle sale cinematografiche americane l’8 dicembre 2017, mentre in Italia arriverà il 21 dicembre successivo.

La sinossi:

Roma, 1973. Alcuni uomini mascherati rapiscono un ragazzo adolescente di nome Paul Getty III, nipote del magnate del petrolio Jean Paul Getty, noto per essere l’uomo più ricco al mondo e al tempo stesso il più avido. Il rapimento del nipote preferito, infatti, non è per lui ragione sufficientemente valida per rinunciare a parte delle sue fortune, tanto da costringere la madre del ragazzo Gail e l’uomo della sicurezza Fletcher Chace a una sfrenata corsa contro il tempo per raccogliere i soldi, pagare il riscatto e riabbracciare finalmente il giovane Paul. Una vicenda pubblica e privata che sconvolse il mondo per aver rivelato a tutti un’incredibile verità: che si può amare di più il denaro che la propria famiglia.

Di seguito trovate il poster e la versione italiana del trailer, diffusa da Lucky Red.
Che ve ne pare?

https://www.youtube.com/watch?v=WgzHK-54eGo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.