George Andrew Romero è morto a Toronto (in Canada) nella notte appena trascorsa all’età di 77 anni, dopo una breve ma intensa battaglia contro un cancro ai polmoni.
George Romero ha lasciato il segno nella storia del cinema americano già dal lontano 1968, quando a soli 28 anni dirige il primo successo: “La Notte Dei Morti Viventi”, horror movie che lo battezzò come il “Padre dei morti” per tutti i suoi fan, tra cui lo stesso Quentin Tarantino ed Edgar Wright. Nel 1978 George Romero aveva diretto “Zombi” secondo capitolo della Trilogia dei morti viventi, nel quale aveva collaborato amichevolmente nel montaggio anche il regista dell’horror italiano, Dario Argento. Nel 1985 aveva poi concluso questo lavoro con l’uscita nelle sale de “Il giorno degli zombi“.
Nonostante abbia cercato dopo il successo di pubblico e critica, di girare film con tematiche diverse, dal sapore più romantico, George Romero ha dedicato tutta la sua vita al genere horror, definendo i capisaldi per la riuscita di un buon film del terrore odierno. Recentemente era stato coinvolto in qualità di personaggio e poi come voce e regista di spot promozionali nella produzione di alcuni videogames. Stando a quanto dichiarato dalla sua famiglia, Romero sarebbe morto serenamente ascoltando la colonna sonora di “Un uomo tranquillo” uno dei suoi film preferiti, diretto da John Ford.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *