Un progetto di respiro internazionale quello lanciato oggi, 1 luglio: La strada di Pietra per Montecassino è frutto della Fondazione Cassino Cultura indirizzata al recupero degli antichi cammini di collegamento tra il centro abitato di Cassino (antica Casinum) con l’Abbazia di Montecassino, completato anche dalla realizzazione di tratti di nuova fattura, con l’intento futuro della creazione di un “Parco della Memoria” che colleghi anche le pendici della Rocca Janula e il monastero benedettino. Al centro dell’idea c’è un percorso di basole personalizzate. Ogni singola basola verrà incisa con il nome che il donatore indicherà, a voler simboleggiare l’impegno corale necessario al raggiungimento della pace. Ogni pietra porterà il nome di una persona e così, come una pietra da sola non permette di arrivare alla cima, una persona sola non può raggiungere l’obiettivo della pace.

Lungo la strada sarà realizzata un’illuminazione alimentata da energia solare, verranno realizzate piccole aree di sosta, di ristoro e di accoglienza e vi saranno delle sale dotate di strumenti a realtà aumentata ove sarà possibile rivivere diacronicamente la Cassino preistorica, dell’epoca romana, medievale e quella della seconda guerra mondiale, il tutto utilizzando anche finanziamenti europei che sarà possibile ottenere attraverso l’A.N.C.I. Lazio, che già da tempo ha concesso il patrocinio all’iniziativa. Inoltre ci sono aziende di caratura nazionale, come la Mapei, interessate alla realizzazione del percorso.

«Il tracciato della strada di circa sei chilometri» – ha spiegato il vice presidente della Fondazione Antonio Iaquaniello – «realizzato di basole prodotte con materiale protetto da norme regionali, nazionali e che ha ricevuto l’approvazione da parte dei preposti organi competenti, sarà ricavato dal recupero dei percorsi storici che dall’antica casinum che risalivano il monte e l’Abbazia Benedettina. Scopo del progetto è anche quello di promuovere il turismo. Invitare i visitatori a scendere dai pullman e dalle auto per percorrere a piedi un tragitto come questo significa, implicitamente, esortarli a fermarsi in Città e comunque sul posto, così da poter scoprire le tante attrattive esistenti con una conseguente positiva ricaduta sulle locali attività commerciali e sull’economia del territorio. L’opera una volta finita sarà donata alla città. Per quanto riguarda le basole personalizzate dal primo luglio sarà possibile l’acquisto online sul sito internet www.stradapermontecassino.it»

Attraverso un codice che sarà inciso sulla basola sarà possibile “collegare” un messaggio, anche video, da parte del donatore. Un messaggio, una lettera di pace, in qualsiasi lingua che resterà nel cloud sopravvivendo nel tempo, una sorta di piccola eredità.

La strada di Pietra per Montecassino vi aspetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *