Se vi dicessimo che, nonostante i musei chiusi in tutta Italia a causa dell’emergenza Coronavirus, è possibile effettuare dei tour virtuali gratuitamente?
La tecnologia infatti, nonostante le restrizioni imposte per limitare il diffondersi del Covid19, offre la possibilità di visitare virtualmente ed in forma totalmente gratuita moltissimi musei. Ad esempio i Musei Capitolini di Roma possono essere visitati stando comodamente seduti sul divano di casa e cliccando QUI, con materiali multimediali ed un’audio guida gratuita, dal Cortile al Palazzo dei Consevatori, dal Tempio di Giove Capitolino all’Esedra di Marco Aurelio.

Oltre ai Musei Capitolini si possono esplorare anche i Mercati di Traiano – Musei dei Fori Imperiali, cliccando su QUESTO LINK: si parte dalla Grande Aula fino ad arrivare alla Terrazza del Belvedere, dove è possibile godersi il panorama di Roma. Anche in questo caso sono presenti materiali multimediali ed un testo per ogni attrazione.

Non mancano poi i tour virtuali dell’Ara Pacis (QUI) e dei siti Archeologici dell’Aventino (QUI).

Spostandosi in altre città d’Italia, i musei chiusi ma visitabili tramite web sono diversi: attraverso le pagine social Le Gallerie degli Uffizi di Firenze daranno la possibilità al pubblico di immergersi tra capolavori senza tempo, così come in streaming sarà possibile curiosare negli spazi della Galleria Nazionale delle Marche, la cui sede si trova nel Palazzo Ducale di Urbino.

Il Ministero di Beni Culturali e Turismo, inoltre, aderisce a “L’Italia Chiamò” , la maratona web solidale che andrà in onda dalle 6.00 alle 24.00 di venerdì 13 marzo con una diretta sul suo canale YouTube. Sarà possibile ammirare gli scavi di Pompei con il direttore Massimo Osanna, assistere alla lezione dal ponteggio di restauro delle Sibille di Raffaello, ma anche seguire il racconto del dietro le quinte della mostra di Raffaello alle Scuderie del Quirinale con il direttore Mario De Simoni, fino ad arrivare alla scoperta dei segreti del Museo Egizio con il direttore Christian Greco.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *