Arte e Coronavirus: Iole Siena, la Presidente del Gruppo Arthemisia (I Love Lego, Impressionisti Segreti), si è espressa in merito alla possibilità di riaprire le mostre a partire dal prossimo 18 maggio, considerando tale eventualità attualmente insostenibile e spiegandone dettagliatamente le motivazioni.

In questa battaglia contro il Coronavirus, dopo il necessario lockdown che non ha risparmiato il settore della cultura, colpendo anche cinema, teatri, musei, mostre, luoghi d’arte ed eventi, sembra intravedersi uno spiraglio.
Nella conferenza stampa del 26 aprile 2020, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato l’inizio della fase 2 e, nell’ambito della stessa, una possibile riapertura di mostre e musei a partire dal 18 maggio 2020, ovviamente nel totale rispetto delle misure di sicurezza.
Per quanto il segnale sia decisamente positivo, non è però detto che il settore sia pronto a ripartire a queste condizioni. A parlare è Iole Siena, Presidente del Gruppo Arthemisia:

Le imprese che operano nel settore della cultura hanno subito perdite enormi a causa della chiusura obbligata delle attività per la pandemia del COVID-19. Il settore delle mostre d’arte è uno dei più colpiti per due motivi: il primo è perché vive soltanto sugli incassi delle biglietterie, che sono di fatto bloccate dalla metà di febbraio; il secondo è che i costi delle mostre si sostengono al 95% prima dell’apertura, mentre i ricavi sono tutti successivi. Quindi, cosa è successo con la chiusura improvvisa? Le imprese si sono trovate con tutti i costi delle mostre aperte o in apertura ma senza incassi. E considerando i costi non proprio contenuti delle mostre… si parla di qualche milione di euro. A sorpresa e diversamente da quanto programmato negli altri Paesi, si è appreso solo ieri che in Italia è prevista una riapertura delle mostre il 18 maggio.  Si comprende e si apprezza la volontà di dare un segnale positivo per il turismo e per il Paese, ma una riapertura così ravvicinata non è tecnicamente sostenibile.”.

Dopo aver illustrato i danni causati dall’emergenza la Presidente del Gruppo Arthemisia dichiara di apprezzare la volontà di dare un segnale positivo per il turismo e per il Paese,  ma esprime i suoi dubbi in merito alla sostenibilità di tale scelta. Dubbi che motiva con un elenco dettagliato di criticità che precludono la possibilità di una così rapida riapertura del settore dell’arte in questo “tempo di Coronavirus”: incertezza, poca affluenza, costi alti da sostenere e rischio elevato di perdita.

1. Non c’è stata ancora una risposta su eventuali sostegni per le imprese della cultura: con le grosse perdite subite, non è possibile correre ulteriori rischi senza sapere se vi saranno aiuti e come si potranno portare avanti le attività.
2. Il periodo maggio-settembre è notoriamente quello con le minori affluenze di pubblico alle mostre. In tempi “normali” aprire una mostra a maggio equivale a una perdita certa (la stagione primaverile delle mostre va da febbraio a giugno); in questo momento, con i contagi e la paura ancora diffusi, significherebbe aprire per (forse) pochissime persone al giorno. Va anche considerato il fattore psicologico: dopo quasi due mesi di quarantena, quante persone vorranno recarsi in un luogo chiuso come lo spazio espositivo di una mostra? E quante, con le incertezze economiche correnti, potranno spendere soldi per visitare una mostra?
3. Il pubblico delle mostre è composto per il 10% dal pubblico scolastico (escluso in questa fase), per il 40% dal pubblico dei gruppi (escluso in questa fase), per il 15% dal pubblico di turisti (escluso in questa fase), per il 15% dal pubblico over 65 anni (escluso in questa fase). Rimane un 20% del cosiddetto “pubblico singolo” che, se anche volesse andare alle mostre, non consentirebbe in alcun modo di coprire le spese.
4. Con le necessarie misure di sicurezza, potrà entrare una persona ogni 5 minuti, quindi al massimo 120 persone al giorno, con un incasso medio di circa 1.200 euro al giorno.  Il costo giornaliero medio di una mostra, considerando il personale di vigilanza e di biglietteria, le assicurazioni, gli affitti, le pulizie, ecc., si aggira intorno ai 6.000 euro.  È evidente che sarebbe del tutto antieconomico.
5. Gli spazi espositivi delle mostre tipicamente non sono ambienti “sani”: non hanno finestre (né si possono aprire, per la conservazione delle opere), di solito hanno la moquette in terra, non c’è ricambio di aria. Anche immaginando una sanificazione frequente (che peraltro costituisce un costo in più), qualora in mostra passasse una persona contagiata metterebbe a rischio tutte le altre, perché anche adottando la distanza sociale di uno o due metri, l’aria nelle stanze resterebbe la stessa e i pavimenti non sono facilmente lavabili. Tantomeno sono lavabili le opere d’arte, che non potranno di certo essere disinfettate. Infine nessun assicuratore esercita una copertura per i rischi di contagio da coronavirus, quindi il rischio per chi organizza sarebbe molto alto.
6. Le misure di sicurezza da adottare (prenotazioni obbligatorie per i visitatori, percorsi obbligati all’interno delle sale, audioguide da rifare, santificazione frequente, dispositivi per la igiene del pubblico, impianti per il ricambio salubre dell’aria), richiedono tempo (almeno 4 mesi di lavoro) e ulteriori investimenti. Si sarà pronti non prima di settembre, con le misure adeguate.
7. I prestatori nazionali e internazionali non prestano finchè non c’è certezza di poter viaggiare, e sicuramente a maggio i viaggi internazionali non saranno consentiti.”.

Pone inoltre l’accento sulle disparità che verranno a crearsi  poiché, a tali condizioni sarà possibile solo per i musei pubblici, e neanche tutti, riaprire in maniera celere.

L’apertura del 18 maggio può valere solo per alcuni musei pubblici – posto che possano garantire le misure di sicurezza in tempi così rapidi – o per mostre sostenute con fondi pubblici, per cui ci si può appellare al servizio pubblico, o per alcune mostre già aperte prima della crisi, che possono essere prorogate se si prevede la sostenibilità economica.
Nessun operatore privato coscienzioso potrà operare in tempi così rapidi, visti i presupposti di cui sopra.  Aprire una mostra tra qualche settimana sarebbe antieconomico e rischioso per la salute di chi lavora e di chi visita, aumenterebbe il rischio delle perdite già certe e andrebbe quindi a peggiorare una situazione già molto compromessa.”.

Iole Siena conclude ipotizzando una ripresa molto più a lungo termine e indicando gli step che risulterebbero  indispensabili al fine di garantire che la ripresa sia equa, che metta tutti nelle stesse condizioni di operare.

Prima si deve affrontare il tavolo dei sostegni alle imprese della cultura, poi si devono mettere a punto le misure di sicurezza avendo il tempo di testarle, e poi si possono annunciare le riaperture in maniera sensata e univoca, mettendo tutti nelle stesse condizioni di operare, anche per correttezza di mercato. Il tempo giusto per riaprire, a mio parere, è ottobre 2020 – con 5 mesi di lavoro preparatorio – ovviamente sperando che non riparta l’epidemia.“.

Per il Gruppo Arthemisia non è né il momento né il modo giusto: perché per l’arte ai tempi del Coronavirus, non basta che la ripresa sia consentita, è necessario che sia possibile e sostenuta.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *