Ultima settimana per vedere la mostra “Picasso. Metamorfosi” con le opere del genio spagnolo Pablo Picasso al Palazzo Reale di Milano.
La mostra, aperta lo scorso 18 ottobre, chiuderà i battenti domenica di questa settimana (17 febbraio).
“Picasso. Metamorfosi” si inserisce in un percorso di mostre che negli ultimi decenni hanno visto coinvolto l’artista di Malaga e la città di Milano innumerevoli volte a Palazzo Reale.

La mostra “Picasso. Metamorfosi” si divide in sei sezioni che vogliono raccontare e quindi concentrarsi su “l’antichità”, sulle mitologie reinventate da Picasso. Ma vediamo più da vicino le sezioni della mostra:

  1. Mitologia del Bacio – Ingres, Rodin, Picasso
    L’introduzione della mostra riunisce i tre artisti attorno al tema del bacio con alcuni dipinti di Picasso cui fanno da contrappunto due opere emblematiche: Il bacio di Rodin e Paolo e Francesca di Ingres. Il confronto rivela come l’approccio di Picasso conduca ad un’interpretazione libera e profondamente innovativa dell’antichità.
  2. Arianna tra Minotauro e Fauno
    Nell’opera di Picasso, numerose sono le odalische sprofondate nel sonno che rimandano alla celebre Arianna addormentata del Vaticano. L’artista sviluppa attorno alla sua figura temi che gli sono particolarmente cari: il Minotauro, l’arena, la guerra, la passione amorosa e la perpetua ebbrezza della vita incarnata dal corteo bacchico.
  3. Alla Fonte dell’Antico – Il Louvre
    Il virtuosismo di Picasso si sviluppa sin dalla sua adolescenza a contatto con una pratica accademica di cui padroneggia perfettamente la tecnica e il repertorio, avendo assimilato le forme della scultura greca. Questo approccio si sviluppa ulteriormente in occasione del suo viaggio in Italia, a Roma e Napoli, nel 1917 e al suo incontro con Olga Khokhlova. L’ispirazione classica mitiga in questi anni l’intensa esperienza cubista.
  4. Le “Demoiselles” del Dyplon: tra greci, etruschi e iberici
    Picasso visita regolarmente il Louvre dal 1901 e proseguirà le sue visite anche dopo la seconda guerra mondiale. Tra il 1901 e il 1912, dalle testimonianze della sua prima compagna Fernande Olivier e del pittore-scrittore Ardengo Soffici, vi tornerà numerose volte, scoprendo i periodi arcaici e la pittura dei vasi greci d’epoca geometrica, la cui estrema stilizzazione attira la sua attenzione.
  5. L’antichità delle metamorfosi
    La spettacolare scultura La donna in giardino (1932) in ferro saldato utilizzato come materiale di riciclo e volutamente dipinta di bianco come un marmo apre questa sezione per introdurre le Metamorfosidi Ovidio, di cui Picasso illustra nel 1931 una celebre edizione pubblicata da Albert Skira e di cui Skira, in occasione della mostra, riediterà la copia anastatica. L’importanza della pratica dell’acquaforte nell’opera di Picasso applicata all’edizione a stampa permette qui di approdare al libro d’artista.
  6. Antropologia dell’antico
    La ceramica è la protagonista di questa sesta e ultima sezione. Picasso la scopre nel dopoguerra, aprendo un nuovo capitolo delle sue declinazioni dall’antico e, sperimentando il potenziale artistico della terracotta dipinta, fa evolvere l’oggetto dalla sua funzione d’uso allo status di opera d’arte. Come nell’antichità, il ceramista e il pittore coabitano nello studio e creano insieme. Così la ceramista Suzanne Ramier incita Picasso alla ricerca di nuovi profili di vasi e stimola la consultazione dei repertori archeologici.

E ora qualche utile informazione:

INDIRIZZO: piazza Duomo 12, Milano.
ORARI: Lunedì 14.30 – 19.30 Martedì, mercoledì venerdì e domenica 9.30 – 19.30 Giovedì e sabato 9.30 – 22.30. Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura.
CURATORE: Pascale Picard
ENTI PROMOTORI:

  • Comune di Milano – Cultura
  • Palazzo Reale
  • MondoMostreSkira

COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 14, ridotto € 12 (dai 6 ai 26 anni, over 65, portatori di handicap, gruppi (minimo 15 massimo 25 persone) e convenzioni) / € 6 (Scuole, gruppi organizzati da Touring e FAI, giornalisti con tesserino ODG con bollino dell’anno in corso non accreditati dall’ufficio stampa e altre convenzioni), gratuito minori di 6 anni, guide turistiche abilitate con tesserino di riconoscimento, giornalisti accreditati dall’Ufficio Stampa e convenzioni

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 02 92897755
SITO UFFICIALE: http://www.mostrapicassomilano.it

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *