Con pura forma” mostra al pubblico “Aesthetica”, conosciuto anche come “Il ciclo dei cieli bianchi”, di Daniele Bongiovanni e ha inaugurato lo scorso 30 gennaio presso la Raffaella De Chirico Arte Contemporanea di Torino, dove rimarrà in esposizione fino al 9 marzo 2019.
Daniele Bongiovanni si è laureato in Arti visive presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo e ha esposto in numerose mostre personali e collettive sia in Italia, a Venezia, Palermo, Torino, Roma e Pavia, ma anche all’estero, in America, Australia, Svizzera e Inghilterra.
La mostra “Con pura forma” comprende una speciale selezione di dipinti del celebre ciclo dell’artista ed è stata curata da Francesco Poli.
“Aesthetica” o “Il ciclo dei cieli bianchi” è un vero e proprio studio sulla forma classica del paesaggio intrapreso dal pittore, il quale non ha però rinunciato a sperimentazioni stilistiche e cromatiche. Egli infatti ha voluto rappresentare in forma onirica e impalpabile la concretezza e la semplicità dello spazio naturale.
Tra le opere più recenti vi sono quelle realizzate tra il 2015 e il 2017, che comprendono anche “Natura con Deus”, lavoro esposto alla 57esima Biennale d’Arte di Venezia. La composizione unisce 30 tavole di legno quadrate delle dimensioni di 15 centimetri per lato in cui si vede una natura vissuta e pensata dall’uomo senza però corpi estranei e artificiali. Daniele Bongiovanni è arrivato ad una purezza estrema data quasi soltanto da bianche suggestioni spaziali e luminose con solo qualche accenno di altre delicate tracce cromatiche per esaltare il puro linguaggio figurativo al di là della realtà.
L’esposizione è stata inserita dal curatore tra due pilastri della pittura come William Turner, celebre per l’effetto mistico e soffuso dato dalla luce dei suoi dipinti ad acquerello e Robert Ryman, più minimalista, concettuale e purista che ha lavorato sulla tinta monocromatica del bianco.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *