Dal 10 febbraio scorso fino al 26 febbraio 2019, all’Auditorium Parco della Musica di Roma sarà possibile vedere in diretta dai cieli della Lapponia lo spettacolo “Aurora Boreale a Roma”. L’occasione è data dall’Equilibrio Festival, una rassegna sui Paesi del nord Europa che quest’anno è ispirato all’aurora boreale, l’eccezionale fenomeno atmosferico che ha ispirato artisti in tutti i campi e di tutti i tempi e, sin dall’antichità, definito “danza della luce”.

L’aurora boreale è un fenomeno naturale che colora il cielo notturno di diverse tonalità di verde, rosso e azzurro. Queste aurore polari nascono quando le particelle cariche, di origine solare, colpiscono la ionosfera terrestre. L’interazione è più forte attorno ai poli magnetici della Terra, ecco perché le aurore sono visibili in queste zone: nell’emisfero nord vengono chiamate aurore boreali e al sud aurore australi. Quando fa buio e il cielo è sereno, si possono vedere a occhio nudo, se si è fortunati.

Nel 1859 l’aurora boreale fu vista anche a Roma. Fu un evento unico ed irripetibile che passò alla storia come Evento di Carrington: fu la più grande tempesta geomagnetica o solare mai osservata dagli astronomi, che provocò notevoli disturbi alla tecnologia del telegrafo e produsse, il primo settembre 1859, un’aurora boreale visibile anche a latitudini inusuali come a Roma, in Giamaica, alle Hawaii e a Cuba.

Ora Equilibrio Festival consente di vivere un’esperienza molto simile, seppur da lontano: nel porticato esterno dell’Auditorium Parco della Musica, fino a martedì 26 febbraio, si può ammirare l’aurora boreale. Le Luci del Nord saranno visibili a Roma in diretta streaming dall’Osservatorio di Geofisica di Sodankyla, le immagini saranno proiettate sulla cupola della Sala Sinipoli e saranno visibili ogni giorno dopo il tramonto, fino alla fine della rassegna. Nel caso in cui l’aurora boreale non dovesse essere visibile saranno proiettate le immagini del fotografo finlandese Sampsa Sulonen.

“Aurora Boreale a Roma”, un evento veramente imperdibile!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *