Dal 21 febbraio fino al 2 giugno 2019 al Palazzo Reale di Milano sarà in esposizione un’importante mostra dedicata ad Antonello da Messina, il principale pittore siciliano del ‘400. L’esposizione, frutto della collaborazione fra la Regione Siciliana e il Comune di Milano, con la produzione di Palazzo Reale e MondoMostre Skira, è curata da Giovanni Carlo Federico Villa.

Nato intorno al 1430 e morto nel 1479, il pittore siciliano, celebre già in vita, venne riscoperto solo nel 1800 dopo essere stato dimenticato per secoli. Di Antonello da Messina restano purtroppo pochissime opere, scampate alle alluvioni e ai terremoti, ma anche all’incuria. La maggior parte di quelle rimaste, poi, ha subito diversi restauri, che purtroppo hanno alterato la stesura originaria; sono poche quelle di fatto ancora intatte. Nel ristretto numero di opere che fino a oggi sono state attribuite con certezza alla mano del maestro siciliano, si ammira la capacità di mescolare la scuola veneta all’espressività mediterranea e all’uso fiammingo della pittura a olio. In mostra di Palazzo Reale i visitatori potranno vedere 19 opere del pittore (su un totale di 35 a lui attribuite), dal celebre “San Girolamo nello studio” alla “Crocifissione”, dallo “Hecce Home” al “Ritratto di giovane uomo”.
Sono inoltre presenti le tempere su tavola “Cristo in pietà” e “Madonna con il Bambino e Santo Francescano in adorazione“, provenienti dal museo regionale interdisciplinare di Messina. Tanti i prestigiosi musei che hanno consentito la realizzazione della rassegna prestando i loro quadri, tra cui la Tate Gallery di Londra, gli Uffizi di Firenze, gli Staatliche Museen di Berlino, Philadelphia Museum of Art e Palazzo Abatellis di Palermo.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *