Il cellulare suona e il promemoria #chiostroturner occupa tutto il display, proprio perchè è impossibile dimenticarsi di William Turner. Da oggi 22 marzo fino al 26 agosto 2018 il Chiostro del Bramante di Roma ospita la mostra “Turner. Opere della Tate”, segnando l’inizio di un’importante collaborazione con la Tate Britain di Londra.
Più di 90 opere d’arte, organizzate in un percorso espositivo suddiviso in sei sezioni tematiche e cronologicamente ordinate per coglierne l’evoluzione del linguaggio, raccontano la storia del pittore inglese Joseph Mallord William Turner, vissuto tra il 1775 e il 1851.
Un artista completamente immerso nel contesto romantico, tra i maggiori interpreti del “sublime”, uno dei paesaggisti più significativi dell’intera storia dell’arte, che si è guadagnato l’appellativo di “pittore della luce” per la sua personalissima ricerca di cromatiche tese a valorizzare la dirompente energia della luce in ogni suo dipinto.
Accanto alle più celebri pitture ad acquerello e agli oli su tela è esposta una selezione di lavori conosciuti come “Turner Bequest”: schizzi, disegni, studi e pitture che provengono dal suo studio personale, testimonianze di ricordi di viaggi, di emozioni e paesaggi ammirati nel corso della propria vita.
Una mostra da non perdere per lo spessore e la singolarità del linguaggio di William Turner, un artista che ha saputo imprimere la potenza della luce su tela.
Per maggiori informazioni relative agli orari di apertura, alle visite didattiche e alla biglietteria si consiglia di visitare la pagina ufficiale cliccando QUI.

Please follow and like us:

One thought on “William Turner: il pittore della luce in mostra al Chiostro del Bramante”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *