Dal 1 al 4 febbraio 2018 arriva “SetUp 2018” e si rinnova per la sesta volta: “SetUp contemporary art fair” è un contenitore di arte, luci, buon cibo, musica e tanto divertimento all’avanguardia, dove chiunque può trovare un proprio spazio nel panorama dell’arte contemporanea. Molte le novità di questa edizione, prima fra tutte il cambio di location: “SetUp” infatti si sposterà presso le sale di Palazzo Pallavicini, suntuosa dimora del XV secolo nel centro storico di Bologna, che ha visto il passaggio di importanti personaggi storici, tra cui la principessa Maria Carolina D’Asburgo, l’imperatore d’Austria Giuseppe II e Mozart.
Il motto di quest’anno sarà “Art grows here”.
SetUp 2018” è il risultato di cinque anni di continui progressi e innovazioni, in cui sono state poste le basi per il cambiamento, ma che allo stesso tempo mantiene viva la sua identità e il suo spirito originale. La sua missione è, infatti, ancora una volta quella di offrire orizzonti che possano interessare un pubblico vasto, promuovere gallerie che puntano su artisti emergenti, far crescere una nuova generazione di collezionisti e appassionati d’arte. L’obbiettivo finale è quello di innescare un circolo virtuoso tra economia e cultura, offrendo un luogo aperto allo scambio di idee e progetti.
L’arte contemporanea diventa strumento di valorizzazione del territorio, promuovendo al contempo la partecipazione attiva alla vita culturale.
Il tema che guiderà “SetUp 2018” sarà l’attesa che, dopo le due edizioni passate, incentrate su orientamento ed equilibrio, va a completare una coraggiosa trilogia tematica. Su questi presupposti, la fiera ha chiesto agli espositori di presentare un progetto in cui la visione del presente sia un’indagine dell’attesa da cogliere come proiezione temporale e spaziale in cui qualcosa prende forma definendo così gli scenari delle “aspettative”che aprono la lettura del futuro attraverso l’arte.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *