Sarà aperta dall’8 al 14 aprile 2018 presso lo Spazio Risonanze dell’Auditorium Parco della Musica di Roma la mostra “Frammenti di Storia – L´Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della Polizia Scientifica”. L’esposizione fotografica sarà un percorso attraverso la memoria e i drammi del nostro paese. Per il visitatore sarà possibile osservare dalle impronte digitali di un giovane Benito Mussolini alla scheda fotosegnaletica dell’antifascista Sandro Pertini, dai pizzini del boss mafioso Bernardo Provenzano ai rilievi del sequestro di Aldo Moro, dell’assassinio del capo della Squadra mobile di Palermo Giorgio Boris Giuliano, degli attentati a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, fino a quelli della recente sparatoria in cui è stato ucciso Anis Amri, autore dell’attacco terroristico di Natale a Berlino.
Eventi dolorosi che hanno segnato la storia d’Italia, tutti legati al lavoro della Polizia di Stato e in particolare a quello della Polizia Scientifica. La mostra sarà un ricordo per i più grandi, monito e insegnamento per i più giovani. Al centro dell’allestimento c’è la figura del poliziotto, che è chiamato a svolgere il proprio compito con costanza e lealtà. Tanti gli omaggi agli uomini della polizia, ai magistrati, ai politici che si sono sacrificati per un ideale più alto, per la giustizia e la libertà.
Lo sguardo, oltre che sul passato, sarà volto anche verso le sfide del nostro millennio e all’evoluzione dei mezzi e delle tecnologie al servizio delle scienze forensi. “Una memoria storica” – afferma il Capo della Polizia Franco Gabrielli – “Che deve diventare un ulteriore stimolo per assolvere fino in fondo la missione assegnata alla Polizia Scientifica: allinearsi sempre con le esigenze della contemporaneità, per continuare ad essere un imprescindibile punto di riferimento per il Paese“.
L’orario di apertura della mostra “Frammenti di Storia – L´Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della Polizia Scientifica” va dalle ore 10.00 alle ore 18.00 e l’ingresso è gratuito.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *