L’Italia è piena di bellezze artistiche e ultimamente pare che gli italiani se ne siano accorti per davvero. Secondo gli ultimi dati infatti, per quanto riguarda i musei, si nota una strepitosa crescita in incassi e visitatori tra il 2013 e il 2016, con un trend di crescita continua nel 2017. I guadagni hanno visto un +38,4% nei primi tre anni e un +13,5% nell’ultimo, mentre il pubblico è aumentato passando da 38,4 milioni nel 2013, a 45,5 milioni nel 2016 e sta raggiungendo i 50 milioni nel 2017.
Secondo il ministro della cultura Dario Franceschini, che ieri ha tenuto un incontro con alcuni dei direttori dei maggiori musei italiani, questi sono i risultati della riorganizzazione e della riforma riguardante la distinzione tra musei statali e i nuovi 30 musei autonomi. La regione in testa alla classifica per visitatori e incassi è il Lazio, seguono Campania e Toscana.
Gran parte delle città e dei siti artistici stanno cercando di restaurare, costruire, rinnovare e migliorare ancora per far lievitare ulteriormente questi numeri. Tra questi il Colosseo ha inaugurato gli ultimi anelli dell’anfiteatro, il Museo Nazionale di Reggio Calabria ha aperto un nuovo museo e ha rinnovato l’allestimento dei Bronzi di Riace, la Galleria dell’Accademia di Firenze ha acquisito diverse nuove opere e la Pinacoteca di Brera entro i prossimi due anni allestirà 38 nuove sale e riaprirà il ponte che la collegherà a Palazzo Citterio.
Il bilancio mostra un boom davvero soddisfacente sia per quanto riguarda i risultati numerici sia come orgoglio nazionale perché risulta evidente quanto le bellezze del nostro Paese siano amate dagli italiani stessi, ma non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.