In occasione della Domenica al Museo, si è riscontrato un grandissimo successo in termini di affluenza: la promozione, introdotta nel luglio 2014 dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, guidato da Dario Franceschini, ha registrato nella giornata di ieri un gran numero di visitatori in diverse parti d’Italia.
Questo progetto prevede l’ingresso gratuito nei musei e nei luoghi della cultura statali ogni prima domenica del mese ed il record è stato toccato al Colosseo, con oltre 32 mila visitatori.
Il Mibact, ha diffuso i dati definitivi più importanti della giornata di ieri, nei principali luoghi della cultura italiani: la Domenica al Museo si conferma un’iniziativa di spessore, apprezzata da un pubblico sempre più numeroso.

• 32.170 Parco archeologico del Colosseo,
• 21.017 Pompei,
• 17.111 Reggia di Caserta,
• 10.286 Giardino di Boboli,
• 9.706 Castel Sant’Angelo,
• 8.372 Galleria degli Uffizi,
• 8.361 Villa D’Este,
• 7.195 Galleria dell’Accademia di Firenze,
• 6.071 galleria Palatina,
• 5.697 Museo nazionale romano,
• 4.963 Rocca Scaligera,
• 4.584 museo archeologico nazionale di Napoli,
• 4.176 Parco archeologico di Ercolano,
• 4.155 Parco archeologico di Paestum,
• 4.043 Museo di Capodimonte,
• 3.807 Villa Adriana,
• 3.883 Musei reali di Torino,
• 3.558 scavi di Ostia antica,
• 3.358 Palazzo Ducale di Mantova,
• 2.980 Pinacoteca di Brera,
• 2.970 Parco archeologico dell’Appia,
• 2.745 Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma,
• 2.590 Cappelle Medicee,
• 2.578 Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria,
• 2.548 Gallerie dell’Accademia di Venezia,
• 2.435 Gallerie nazionali di arte antica di Roma,
• 2.402 Museo del Bargello,
• 2.218 Castello di Miramare di Trieste,
• 2.025 Museo delle civiltà di Roma,
• 1.946 Galleria Borghese,
• 1.253 Galleria nazionale delle Marche,
• 1.071 Museo nazionale etrusco di Villa Giulia,
• 876 Museo di Palazzo Reale di Genova,
• 863 Museo archeologico nazionale di Taranto,
• 602 Museo archeologico nazionale di Venezia,
• 536 galleria nazionale dell’Umbria,

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *